Esteri 150407094227
EMERGENZA 6 Maggio Mag 2015 1943 06 maggio 2015

Immigrazione, all'Onu proposta italiana contro gli scafisti

Una prima decisione sulla possibile operazione di polizia attesa il 18 maggio.

  • ...

Paolo Gentiloni.

Onu e Unione europea accelerano per far fronte all'emergenza migranti nel Mediterraneo.
L'Italia, ha spiegato il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, ha sottoposto ai membri europei del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite una bozza di risoluzione per fronteggiare l'immigrazione illegale, che potrebbe essere votata «entro 10 giorni».
GENTILONI OTTIMISTA. L'obiettivo è fornire «una base legale alle diverse attività di contrasto al traffico di esseri umani e che consenta di assicurare i trafficanti alla giustizia», ha sottolineato Gentiloni. «Credo che ci siano le condizioni per arrivare ad approvarla», ha assicurato. «Io sono ottimista: la strada non è in discesa, ma nella comunità internazionale c'è una consapevolezza condivisa che si deve fare qualcosa contro il traffico degli esseri umani».
OPERAZIONE PER COLPIRE I BARCONI. È probabile che una prima decisione su una possibile operazione di Politica di sicurezza e difesa comune (Psdc) per colpire i barconi dei trafficanti arrivi già al Consiglio Affari esteri-difesa del 18 maggio. Secondo la roadmap, per le decisioni a livello dei leader e per i passi per pianificare il lancio di un'eventuale operazione, si rimanda al vertice di giugno. Nel mese di maggio si prevede intanto di aumentare il sostegno a Tunisia, Egitto, Sudan, Mali e Niger per il monitoraggio dei confini terrestri e delle rotte, rafforzando le operazioni di Politica di sicurezza e difesa comune nella regione, così come la cooperazione nel contesto dei processi di Rabat e Khartoum. In particolare, a giugno è previsto un incontro del comitato del 'processo di Rabat' per decidere le principali iniziative.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso