Moschea 120819103401
ISLAM 16 Maggio Mag 2015 1900 16 maggio 2015

Bergamo, moschea abusiva nello stabile del candidato di Fdi

Bergamo, il luogo di culto nei locali in centro di prorietà di Rey Brembilla.

  • ...

Pochi mesi prima di candidarsi per Fratelli d'Italia, nel 2014 alle Amministrative di Bergamo, aveva affittato a un'associazione islamica un ufficio di 100 metri quadri in uno stabile di sua proprietà nel centro cittadino.
Il Comune di Bergamo ha poi scoperto che quegli spazi venivano adibiti a moschea abusiva.
In merito, contro l'ex candidato della destra anti-immigrati Rey Brembilla è stato avviato un procedimento penale per ospitare un luogo di culto islamico non autorizzato.
SOPRALLUOGHI NELLO STABILE. Nello stabile la polizia locale ha eseguito vari sopralluoghi e inviato diffide e ordinanze. Ma, nonostante questo, l'attività di preghiera nello stabile va avanti e Brembilla ne prende le distanze, tramite i suoi legali: «Quando è stato firmato il contratto, Brembilla non poteva sapere le effettive intenzioni dell'associazione, anzi aveva verificato la regolarità del loro statuto».
FDI: «BREMBILLA PARTE LESA». Anche il partito si è schierato dalla sua parte: «Una strumentalizzazione vergognosa, fatta apposta per distrarre dal vero nocciolo della questione. Respingiamo al mittente la pietosa strumentalizzazione della sinistra bergamasca. Come già spiegato dal suo legale, lo stesso Brembilla era totalmente ignaro che all'interno dei locali regolarmente affittati l'associazione in questione svolgesse attività di preghiera non autorizzate. Anzi, Brembilla è parte lesa: appena scoperto cosa accadeva nei suoi locali aveva inviato delle diffide, già protocollate a gennaio, e tramite il suo legale si era messo a disposizione del Comune per le procedure di sgombero. Come lo si può far passare per colpevole?».

Correlati

Potresti esserti perso