Carabinieri 130622163738
TERRORISMO 21 Maggio Mag 2015 1755 21 maggio 2015

Espulso jihadista legato alla Bosnia

L'uomo è considerato vicino al foreign fighter residente nel bellunese e morto in Siria nel 2014.

  • ...

Un'auto dei carabinieri.

I carabinieri del Ros hanno eseguito a Pordenone un decreto di espulsione per motivi di prevenzione del terrorismo, emesso dal ministro dell'Interno nei confronti di Arslan Osmanoski, nell'ambito delle indagini su Ismar Mesinovic, il foreign fighter bosniaco residente nel bellunese e morto in Siria nel gennaio 2014.
(Leggi il reportage di L43 sullo spettro del terrorismo islamico in Bosnia).
RECLUTAMENTO NEL NORD EST. Il monitoraggio dei soggetti vicini a Mesinovic ha portato a ricostruire la 'filiera' di reclutamento dei jihadisti in Italia, in alcuni casi nelle comunità islamiche del Nord Est. Osmanoski è stato individuato come presunto braccio destro di uno dei principali indagati.
ALTRO DECRETO, MAROCCHINO GIÀ FUGGITO. Un altro decreto di espulsione è stato emesso nei confronti di Anass Abu Jaffar, cittadino marocchino considerato vicino a Mesinovic. Jaffar, già residente a Belluno, aveva commentato su Facebook atti tra cui la strage di Charlie Hebdo. Il provvedimento non è stato eseguito poiché Jaffar sarebbe già all'estero.

Correlati

Potresti esserti perso