Papa Francesco Sarajevo 150606120242
VIAGGIO 6 Giugno Giu 2015 1202 06 giugno 2015

Papa Francesco in Bosnia: «Io pellegrino di pace»

Il pontefice a Sarajevo: «Questa città è la Gerusalemme d'Europa, basta violenze».

  • ...

Papa Francesco a Sarajevo.

Un viaggio di pace, quello di papa Francesco, sbarcato a Sarajevo la mattina del 6 giugno, 18 anni dopo la storica visita di Giovanni Paolo II nei Balcani.
«Sono venuto come pellegrino di pace e di dialogo», ha detto presentandosi alla popolazione. «La Bosnia Erzegovina e Sarajevo sono passati dallo scontro alla cultura dell'incontro». «Ora che le nuvole nere si sono allontanate si vede fiorire qui la primavera», ha aggiunto Francesco poco dopo il suo arrivo, nel saluto rivolto alla presidenza tripartita nella cerimonia di benvenuto.
«PACE E ASCOLTO INDISPENSABILI». Il Santo Padre ha assicurato l'appoggio della Santa Sede «nel promuovere la collaborazione, il dialogo e la solidarietà» nel Paese. Ricordando che «la pace e il reciproco ascolto in una convivenza civile e ordinata sono le condizioni indispensabili per un autentico e duraturo sviluppo».
«GERUSALEMME D'OCCIDENTE». E ancora: «Sarajevo è chiamata la Gerusalemme d'occidente: è una città di culture religiose etniche tanto diverse, una città che ha sofferto tanto nella storia ed è in un bel cammino di pace. È per parlare di questo che faccio questo viaggio, come segno di pace e preghiera di pace». Questa città «rappresenta un crocevia di culture, nazioni e religioni: e tale ruolo richiede di costruire sempre nuovi ponti e di curare e restaurare quelli esistenti», ha aggiunto il pontefice, invitando a «valorizzare ciò che ci unisce e a guardare alle differenze come possibilità di crescita nel rispetto di tutti».

Correlati

Potresti esserti perso