CRONACA 29 Giugno Giu 2015 1252 29 giugno 2015

Isis, la vita delle donne nel Califfato

Dalle bambine schiave del sesso, comprate per 130 euro, alle soldatesse della brigata Al-Khanssaa che, invece, puniscono i miscredenti.

  • ...

A soli 9 anni sono le schiave sessuali dei combattenti dell'Isis di ritorno dalla guerra, con i quali si sposano (perché la legge islamica non ammette il sesso senza matrimonio) per poi divorziare dopo circa una settimana e poter risposarsi con un altro miliziano.
Le bambine vengono comprate per 130 euro e agli 'acquirenti' i vertici dello Stato islamico consegnano anche un manuale su cui è spiegato come trattarle.
Il documento, citato dal quotidiano britannico Daily Mail, prescrive i casi in cui è legittimo picchiarle o fare sesso con loro, e in quali circostanze è permesso usare violenza anche con le bambine che non hanno raggiunto l'età della pubertà.
PER LE DONNE STUDI RELIGIOSI E VITA CASALINGA. Non si tratta di un documento ufficialmente adottato dall'Isis, ma è comunque un testo che serve a chiarire il ruolo delle donne musulmane nel Califfato e la vita che si desidera per loro.
Ancora, il manuale spiega in cosa deve consistere l'educazione delle ragazze: si devono dedicare agli studi religiosi legati al Corano e alla comprensione delle norme che regolano il matrimonio e il divorzio. Devono imparare i lavori di cucina, saper tessere e cucire.
Devono studiare la storia dell'Islam, la vita del profeta e dei suoi seguaci.
Il documento boccia, poi, il modello della donna occidentale che, uscendo e lavorando, entra in contatto con idee corrotte e scadenti e non con il credo religioso.
LA BRIGATA AL-KHANSSAA, UN MOVIMENTO TUTTO AL FEMMINILE. Il manuale choc è stato scritto dalle soldatesse della brigata di Al-Khanssaa (nome di una poetessa cara a Maometto).
Tutte di un'età compresa tra i 19 e i 20 anni, sono donne europee reclutate dall'Isis tramite i social network per prepararle e convincerle ad andare sul campo campo di battaglia.
All'interno della brigata le britanniche, con le francesi, sono le più numerose.
Lasciano università, famiglia e lavoro per combattere contro i kafirun, i miscredenti, coloro che trasgrediscono le regole religiose dell'Islam.
LA FIGURA CHIAVE È AQSA MAHMOOD. La figura chiave è Aqsa Mahmood, 20 anni, britannica e moglie di uno jihadista.
Ex studentessa modello, su Twitter esorta le amiche a organizzare attacchi: «Se non potete venire sul campo di battaglia, fate il campo di battaglia a casa».
Tra le «pupille» di Aqsa ci sarebbero le due gemelle sedicenni Zahra e Salma Halane, fuggite da Manchester per diventare spose di terroristi dell’Isis.

Correlati

Potresti esserti perso