Immagine Elaborata Compute 150703110801
MISTERO 3 Luglio Lug 2015 1108 03 luglio 2015

Boston, il giallo della bimba senza nome

Il corpo di una bambina di quattro anni a Deer Island. Ma nessuno sa chi sia.

  • ...

L'immagine elaborata al compute della bambina trovata senza vita a Boston.

Mistero a Boston, dove la polizia ha diffuso la foto di una bambina trovata senza vita a a fine giugno, avvolta in un telo di plastica sulla spiaggia della Deer Island, nella baia della città.
La piccola avrebbe avuto all'incirca quattro anni e, secondo l'immagine ricostruita al computer, lunghi capelli castani, legati sulla testa, lo sguardo intenso e la carnagione chiara. L'immagine diffusa, è stato specificato, la rappresenta «come potrebbe essere stata quando era viva».
NESSUNA CORRISPONDENZA. La polizia non ha idea di chi sia, dato che non corrisponde alle caratteristiche di nessuna delle bimbe della sua età di cui è stata denunciata la scomparsa. Ma «qualcuno deve sapere chi era questa bambina», ha detto Robert Lowery, capo della Sezione bambini scomparsi del Centro nazionale per i bambini sfruttati e scomparsi, che assiste gli investigatori.
GIALLO SULLE CAUSE DELLA MORTE. Al momento «non è stato determinato né il modo né la causa della morte» della piccola , ha detto il procuratore distrettuale della zona Daniel Conley, citato dal Boston Globe, aggiungendo che «i patologi effettueranno ulteriori test specialistici». Non è chiaro nemmeno se il corpo della bimba sia stato lasciato sulla spiaggia da qualcuno o se sia stato portato dal mare.
SETACCIATO IL FONDO MARINO. La polizia sta per questo setacciando il fondo marino della zona, alla ricerca di qualche possibile indizio. Le ricerche sono concentrate nell'aerea di Boston, ma non si esclude che la bimba possa essere scomparsa altrove. Gli unici elementi in possesso della polizia appaiono, finora, l'immagine realizzata al computer, una coperta zebrata e il pigiamino che la bimba aveva indosso. Chi indaga ha lanciato un appello ai cittadini, chiedeno collaborazione: «Sicuramente c’è chi sa, speriamo che si faccia avanti fornendo elementi decisivi per arrivare al suo riconoscimento».

Correlati

Potresti esserti perso