ABUSI 7 Luglio Lug 2015 1238 07 luglio 2015

Bill Cosby ammise: «Ho drogato donne per farci sesso»

Lo confessò nel 2005, svela l'Associated Press citando documenti depositati in tribunale. Dalle testimonianze delle vittime al processo mai iniziato, le tappe della storia che coinvolge il papà dei Robinson. Foto.

  • ...

Mesi di accuse, riflettori puntati, testimonianze che lo incastrano.
Poi, dagli Stati Uniti, la rivelazione: nel 2005 Bill Cosby (foto) ha ammesso di essere stato in possesso di droghe da offrire ad alcune donne con le quali voleva fare sesso.
Lo ha riportato l'Associated Press il 7 luglio 2015 citando alcuni documenti depositati in tribunale, dai quali è emerso che il comico afroamericano ha somministrato un sedativo ad «almeno una donna e ad altre persone».
PATTEGGIAMENTO NEL 2006. I documenti risalgono all'azione legale avviata contro il 'papà' dei Robinson da una ex dipendente della Temple University, Andrea Constand, la prima di una cascata di azioni legali per abusi sessuali contro il comico.
La causa è stata patteggiata in termini confidenziali nel 2006.
È ACCUSATO DA 15 DONNE. Cosby, che ha 77 anni, è stato accusato negli ultimi anni di stupro e violenza sessuale da 15 donne, e alcune di loro hanno riferito di essere state drogate.
Nessuna accusa penale è stata tuttavia mossa a Cosby.
Era il 18 novembre 2014 quando l'ultima donna a puntare il dito contro Cosby si fece avanti. Ma il 17 dicembre 2014 il procuratore della contea di Los Angeles ha deciso di non incriminare il comico.
INGANNO DEI DOLORI MESTRUALI. Nel corso di un'intervista a Entertainment Tonight, l'ex top model Janice Dickinson ha raccontato di essere stata sessualmente aggredita da Cosby nel 1982.
La donna ha raccontato che durante una cena Cosby le diede una pillola, che lei chiese perché aveva il ciclo e accusava dolori allo stomaco.
«L'ultima cosa che ricordo di quella sera era Bill in patchwork che lasciava cadere il suo abito su di me. E poi un sacco di dolore», è la testimonianza della modella.

Una giornalista: «Abusò di me quando avevo 19 anni»

Washington: Bill Clinton, Bill Cosby e Linda Ellerbee (29 luglio 1996).

Il racconto segue quello contenuto in un saggio, pubblicato all'inizio di luglio su Hollywood Elsewhwhere, in cui la giornalista Joan Tarshis sosteneva che il comico l'avesse drogata e violentata nel 1969, quando aveva 19 anni.
«Sempre più vittime di stupro si sono fatte avanti, raccontando storie simili, è il momento giusto per unirsi a loro», ha scritto.
PRIMA LUI NEGAVA. Davanti alle testimonianze delle presunte vittime, l'avvocato del papà dei Robinson ha continuato a negare il suo coinvologimento: «Il fatto che alcune donne stiano muovendo accuse non le rendono vere», ha dichiarato.
Ma nel loro insieme, le accuse dipingono un'immagine inquietante e coerente al tempo stesso.
Prima Cosby le sedava, infilando una pillola nel loro drink, poi abusava di loro.
VIDEO VIRALE CON LE ACCUSE. Ma se tutto questo è accaduto molto tempo fa, perché tanto clamore adesso?
La storia ha raggiunto il picco di attenzione per una combinazione di fattori, ma l'exploit risale al mese di ottobre 2014, quando in una clip il comico Hannibal Buress criticò brutalmente Cosby, e il filmato divenne virale.
In un'intervista, l'attore ha poi spiegato: «Ho appena letto alcune cose e fatto delle ricerche. Chiunque può ottenere tali informazioni».

  • Le accuse di Hannibal Buress contro Bill Cosby in un video diventato virale.

Barbara Bowman.


Circa una settimana dopo che la clip di Buress ha fatto il giro del web, il Daily Mail ha pubblicato l'intervista di una donna, Barbara Bowman, che ha raccontato che Cosby, che lei chiamava «mostro», l'aveva drogata e violentata nel 1985, quando era 17enne.
NASCOSTO DIETRO AL SILENZIO. Quando a Cosby sono state chieste spiegazioni in merito alle tante accuse, in una recente intervista del 15 novembre 2014 a NPR Weekend Edition, lui è rimasto in silenzio, scuotendo la testa.
Ma non è sempre rimasto senza parole: nel corso degli anni, ha completamente negato, spesso nelle dichiarazioni dei suoi avvocati, ma a volte dalle sue stesse parole.

Perché non è finito in tribunale? Prescrizione e celebrità

Il successo di Bill Cosby giunse nel 1984 quando ideò e interpretò la serie I Robinson.

Nessuna delle donne che hanno mosso accuse a Cosby ha guadagnato niente: i limiti del reato di prescrizione (le violenze sarebbero avvenute nell'arco di decine di anni) hanno reso impossibile il fatto di rendere perseguibile il comico.
Mentre Andrea Constand, la prima donna che ha mosso un'azione legale nei suoi confronti per abusi sessuali, ha stretto con lui un accordo stragiudiziale.
BATTAGLIA PERSA. Ma ci sono ragioni più complicate che possono spiegare perché Cosby non ha dovuto andare davanti a un tribunale per difendersi.
Un uomo troppo celebre, troppo esposto: una battaglia persa in partenza, forse, per tante delle vittime.
Barbara Bowman, in una intervista alla Cnn, ha raccontato di aver affrontato un avvocato nel 1989 per una consultazione sulla potenziale azione legale contro Cosby, ma lui «mi ha riso in faccia».
A quel punto, la donna ha rinunciato a cercare giustizia tramite il sistema legale.

Correlati

Potresti esserti perso