Metro Roma 150709180306
CRONACA 9 Luglio Lug 2015 1731 09 luglio 2015

Roma, bimbo precipita dall'ascensore della metro e muore

Quando è stato estratto dalla tromba dell'elevatore il piccolo, cinque anni, era ormai deceduto. L'assessore: «Un errore umano».

  • ...

Carabinieri all'esterno di uno degli ingressi della stazione Furio Camillo della metropolitana linea A di Roma.

Tragedia a Roma, dove un bambino di cinque anni ha perso la vita dopo essere caduto nella tromba dell'ascensore nella stazione Furio Camillo della metro A della Capitale.
Sul posto sono intervenuti i Saf dei vigili del fuoco ma per il piccolo non c'è stato nulla da fare: quando è stato estratto dalla tromba dell'elevatore era ormai deceduto. Il bimbo, italiano, era in compagnia della madre. La donna e un addetto della metro, che ha assistito alla scena, sono ora in stato di choc.
«UN ERRORE DELL'AGENTE». L'assessore ai Trasporti di Roma Capitale Guido Improta ha dichiarato che «sicuramente c'è stato un errore dell'agente della stazione che ha posto in essere una procedura che non doveva, forse perché c'erano condizioni difficoltà e alla fine c'è stata la tragedia».
IL SINDACO MARINO CONTESTATO. L'assessore ha poi spiegato la dinamica dell'incidente: «L'ascensore era bloccato e si è tentato un trasbordo delle persone: l'ascensore bloccato è stato affiancato da un altro elevatore, si è cercato di fare un trasbordo delle persone attraverso una botola. Una procedura non codificata». Il sindaco di Roma Ignazio Marino si è recato alla stazione per incontrare la mamma del bimbo ma è stato contestato dai cittadini al grido «vattene». La stazione è stata chiusa e sul posto ci sono le forze dell'ordine, i vigili del fuoco e capannelli persone.

Correlati

Potresti esserti perso