Palmira Siria Isis 150521121107
CONFLITTO 20 Luglio Lug 2015 1452 20 luglio 2015

Siria, curdi e milizie di Assad alleati contro al Baghdadi

Milizie unite contro l'Isis per riconquistare Hassaké. E intanto il Califfato colpisce Kobane e Turchia.

  • ...

In territorio siriano, lo Stato islamico domina su 95 mila chilometri quadrati ed è presente in nove province.

Nemici che combattono fianco a fianco. Divisioni che saltano. L'avanzata del Califfato islamico in Siria sta portando dalla stessa parte nemici storici. Per la prima volta dall'inizio della guerra civile siriana, i combattenti curdi nei quartieri della città di Hassaké, nel Nord Est del Paese, si ritrovano a combattere assieme alle milizie del dittattore Bashar al Assad.
ALLEANZA TRA CURDI E MILIZIE DI ASSAD. Per la prima volta dall'inizio della guerra in Siria, forze curde e truppe del regime di Damasco si sono alleate. L'alleanza che non ti aspetti per ora sembra avere limiti tattici in quanto sarebbe circoscritta ad alcuni quartieri della città di Hassaké, nel Nord-Est della Siria. La strana alleanza ovviamente è dovuta solo all'emergenza e non è assolutamente ufficiale. Ma nella parte meridionale di Hassaké l'unione delle forze ha portato all'accerchiamento dellle truppe di al Baghdadi.
ATTACCHI KAMIKAZE COORDINATI. D'altra parte l'Isis attacca contemporaneamente curdi e turchi. Secondo il quotidiano Hurriyet online, che cita fonti dell'amministrazione locale, il 21 luglio una attentatrice kamizkaze vicina allo Stato islamico si è fatta esplodere in un centro culturale della città turca di Suruc, al confine con la Siria.
28 MORTI E 100 FERITI. Il governatore della provincia Izzetin Kucuk ha dichiarato che nell'espolosione sono morte 28 persone e ne sono rimaste ferite 100. Quasi simultaneamente un altro kamikaze ha colpito nella città curda di Kobane, senza però provocare vittime. Sempre Hurriyet, citando fonti della sicurezza di Ankara, fa sapere che si tratterebbe di un'azione coordinata.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso