Tabaccaia uccisa ad Asti, fermato uomo
DELITTO 24 Luglio Lug 2015 1735 24 luglio 2015

Tabaccaia uccisa ad Asti, confessa l'omicida

Fermato il 46enne che ha ucciso Maria Luisa Fassi. Il movente una rapina.

  • ...

Maria Luisa Fassi.

Risolto il giallo dell'omicidio di Maria Luisa Fassi, la donna di 55 anni barbaramente uccisa con 45 coltellate, lo scorso 4 luglio, nella sua tabaccheria di Asti.
Un italiano di 46 anni, Pasqualino Folletto, è stato fermato dai carabinieri con l'accusa di essere l'assassino.
HA CONFESSATO. L'uomo, incensurato, ha confessato ed è stato trasferito nella caserma dei carabinieri di Asti, dove i militari dell'Arma lo stanno interrogando.
DELITTO PER RAPINA. Folletto ha spiegato agli inquirenti che il delitto è «maturato nel corso di una rapina». «Non so spiegarmi perché l'ho fatto: alle urla di quella donna ho perso la testa», ha confessato ai carabinieri. Appena 800 euro il bottino.
L'AUTO NEI VIDEO. «Quando ha confessato era un uomo disperato», ha affermato il sostituto procuratore Luciano Tarditi. «Domani presenterò richiesta di convalida dell'arresto al gip», ha aggiutno il magistrato, che ha coordinato l'inchiesta sull'omicidio della tabaccaia. L'uomo era già stato ascoltato nei giorni scorsi dei carabinieri perché la sua auto, una Renault Megane grigia, compariva nelle immagini delle telecamere di sicurezza davanti alla tabaccheria di via Volta all'ora dell'omicidio. La vettura, che è stata sequestrata, era parcheggiata in senso inverso a quello di marcia, in modo che la portiera del guidatore fosse dalla parte del marciapiede. Interrogato, il magazziniere ha negato di essersi trovato nella zona del delitto, facendo insospettire gli inquirenti che hanno così avviato ulteriori accertamenti nei suoi confronti. ERA PIENO DI DEBITI. Ad armare l'uomo sarebbe stata la disperazione: l'uomo, padre di tre figli, uno dei quali malato, ha detto ai carabinieri di essere «pieno di debiti» e di avere una «situazione economica pesante», aggravata secondo quanto appreso dal anche dal vizio per il gioco.

Correlati

Potresti esserti perso