Donne Isis 150626130142
GUERRE E VIOLENZA 6 Agosto Ago 2015 1044 06 agosto 2015

L'Onu: donne e bambine schiave sessuali del Daesh

Minori yazide e cristiane catturate, vendute, stuprate da Daesh.

  • ...

Donne yazide e cristiane, anzi bambine, ridotte in schiavitù, stuprate e vendute per 165 dollari ognuna. E più giovani sono, più il prezzo sale.
Il racconto dell'orrore di ciò che accade nei territori conquistati dal Daesh era circolato su diverse testate internazionali nei mesi scorsi, ma mai si era avuta conferma ufficiale delle denunce pervenute alle organizzazioni umanitarie che operano in Siria e in Iraq.
Il 4 agosto è stata un'alta esponente dell'Onu, Zainab Bangura, che per l'organizzazione si occupa della tragedia delle violenze sessuali che accadono nelle zone di conflitto, a confermare le atrocità commesse dai miliziani islamisti.
Il prezzario della schiavitù - la lista con il costo delle donne in vendita in Siria e in Iraq - che nei mesi scorsi la stampa internazionale aveva pubblicato non potendone però confermare l'autenticità, è vera, ha detto Bangura a Bloomberg.
BANGURA, ONU, CONFERMA LA TRATTA DELLE SCHIAVE. Ad aprile l'inviata Onu si è recata in Iraq e in quella circostanza le è stata fornita copia del pamphlet redatto dallo stato islamico che include la lista con i prezzi. «Le ragazze vengono vendute come barili di petrolio», ha dichiarato Bangura.
«Ogni ragazza può essere venduta e comprata cinque o sei volte da uomini diversi. In alcuni casi quesi miliziani rivendono le ragazze alle loro famiglie in cambio di riscatti da migliaia di dollari».
Una bambina fino a 9 anni può costare 165 dollari, un'adolescente 124. Per i jihadisti catturare una non è musulmana è giustificato dall'Islam. Tutto in nome del Corano. A dicembre scorso il Daesh aveva diffuso anche una vera e propria guida tra i suoi miliziani su come catturare, punire e stuprare le donne non musulmane. Orrore.



Correlati

Potresti esserti perso