Nubifragio Calabria 150812125348
MALTEMPO 12 Agosto Ago 2015 1250 12 agosto 2015

Calabria, nubifragio sulla costa ionica

Allagamenti, auto ammassate, strade franate e ospiti del campeggio evacuati.

  • ...

Ha smesso di piovere nella zona di Corigliano e Rossano dove nelle scorse ore si è abbattuto un violento nubifragio che ha provocato ingenti danni. Nella zona di Rossano si registra l'esondazione dei torrenti minori nella zona ovest dello Scalo mentre i torrenti centrali (Citrea, Celadi, Inferno) continuano ad essere costantemente monitorati.
Il maltempo si è abbattuto nella notte tra l'11 e il 12 agosto sulla costa ionica cosentina nella zona di Rossano. La pioggia, caduta sino all'alba, ha provocato l'allagamento di case e strade, trascinando le auto in sosta e facendole ammassare nella zona del lungomare Sant'Angelo.
Al momento non si segnalano danni alle persone ma quelli alle cose sono ingenti. Gli ospiti di un campeggio sono stati evacuati. Una strada del centro storico è crollata. E dopo una breve pausa ha ripreso a piovere.
PERSONE BLOCCATE IN CASA. Nella zona, sin dall'alba, sono al lavoro i vigili del fuoco, tutte le forze dell'ordine e tecnici del Comune e della Protezione civile. Numerose le telefonate ai centralini dei vigili del fuoco e di polizia e carabinieri. Molti, in particolare sul lungomare e in alcune contrade di Rossano, sono impossibilitati ad uscire di casa a causa dell'acqua alta.
Strade e scantinati allagati, fogne saltati, rami spezzati: è l'effetto a Simeri Mare del violento temporale che nel corso della notte ha interessato la costa ionica catanzarese. I vigili del fuoco hanno compiuto anche numerosi interventi per portare in salvo automobilisti rimasti bloccati nelle loro vetture ferme sulle strade allagate.
IN SALVO 40 TURISTI INTRAPPOLATE NELL'HOTEL. Gli agenti di una volante del Commissariato di Rossano della polizia hanno tratto in salvo una quarantina di persone, tra le quali molti bambini, rimaste intrappolate all'interno di un hotel dopo il nubifragio caduto su Rossano. La volante è poi rimasta impantanata nel fango e nell'acqua. Altri equipaggi della polizia hanno evacuato alcune abitazioni vicine all'hotel e tratto in salvo persone e bambini rimasti intrappolati in un villaggio turistico.

Rossano e Corigliano calabro, le zone più colpite dal nubifragio

A Catanzaro, il temporale ha provocato la rottura di una condotta dell'acquedotto che ha provocato il depositarsi su alcune strade di acqua e pietrisco. Anche in questo caso sono intervenuti i vigili del fuoco.
Intanto l'allerta meteo è già diventata un hashtag su Twitter #AllertameteoCAL utile per veicolare le notizie necessaria a chi si trova in difficoltà. Centinaia di messaggi stanno girando in Rete con i numeri della Protezione civile e della Polizia municipale e la fotocronaca di quello che sta succedendo in particolare a Rossano e Corigliano Calabro, le zone più colpite dal nubifragio.
«Istituito centro di emergenza presso il palazzetto sport di via candiano a Rossano, cittadini e turisti possono recarsi lì», scrive un utente.
«La situazione d'emergenza è altissima su tutto il territorio. Il Comune è isolato telefonicamente», ha detto il sindaco di Corigliano Calabro, Giuseppe Geraci, il quale fa appello alla massima attenzione.
«È mia intenzione chiedere al Governo nazionale lo stato d'emergenza per la situazione drammatica che si è determinata», ha detto il presidente della Calabria, Mario Oliverio, circa i danni provocati dal nubifragio delle scorse ore.
STAZIONE ALLAGATA, TRENI BLOCCATI. Per il maltempo, la circolazione è stata sospesa dalle 8 di questa mattina sulla linea Sibari-Crotone. Le abbondanti piogge hanno provocato l'allagamento della stazione di Corigliano e un guasto al sistema di telecomando dei treni nei pressi di Cariati.
Le squadre tecniche di Rete Ferroviaria Italiana, intervenute sul posto, sono al lavoro per ripristinare le normali condizioni di circolazione. Cancellati interamente o per parte del loro percorso 5 treni regionali e un treno a lunga percorrenza. Attivo un servizio con bus sostitutivi, con inevitabili allungamenti dei tempi di percorrenza dovuti alle forti precipitazioni ancora in atto.
ESONDATO IL TORRENTE CITREA. Il nubifragio ha provocato anche l'esondazione del torrente Citrea, in località Marina di Rossano e causato l'isolamento di alcuni quartieri. Bloccata la strada provinciale 253 in Contrada Frassa di Corigliano Calabro.
Sul posto sono stati inviati equipaggi del Commissariato di Rossano, del Reparto prevenzione crimine Calabria settentrionale, dell'Arma dei Carabinieri e della Protezione Civile. In zona stanno operando anche un elicottero della polizia abilitato al soccorso del Reparto volo di Reggio Calabria, oltre ad uno della Protezione civile.
NELLE ZONE ISOLATE USATI I MEZZI ANFIBI. Alcune zone, infatti, risultano essere raggiungibili solo con mezzi anfibi. Nel Commissariato di Rossano della Polizia è stata istituita un'unità di crisi interforze con i vertici delle forze dell'ordine, il Prefetto ed il Questore. Il Dipartimento della Ps ha inviato anche numerosi equipaggi fuoristrada dalle province limitrofe. Tutti gli equipaggi sono impegnati nelle operazioni di soccorso.
Colonne mobili dei vigili del fuoco sono state inviate a Rossano da Lazio e Campania per aiutare il personale nell'opera di soccorso. Squadre dei vigili del fuoco sono state inviate anche da Catanzaro.
L'ALLERTA DELLA PROTEZIONE CIVILE. Già due giorni fa il dipartimento della Protezione civile aveva emesso un allerta meteo in previsione delle forte precipitazioni che avrebbero interessato dalla serata di ieri la fascia ionica calabrese. Ieri, inoltre, sempre a causa della perturbazione, il Dipartimento ha valutato una criticità rossa - il livello più alto su una scala di tre - per rischio idrogeologico sul settore ionico calabrese.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso