MUSICA 13 Agosto Ago 2015 1224 13 agosto 2015

Giancarlo Golzi, morto il batterista dei Matia Bazar

Il batterista della band stroncato da un infarto a 63 anni nella sua villa di Bordighera. Ramazzotti: «Un grande professionista, lo ricordo per la sua gentilezza». Foto.

  • ...

Giancarlo Golzi, storico batterista dei Matia Bazar, è morto stroncato da un infarto nella sua villa di Bordighera, in provincia di Imperia. L'artista era nato a Sanremo il 10 febbraio 1952 e aveva 63 anni. Nel 1975 fondò i Matia Bazar assieme a Piero Cassano, Carlo Marrale, Aldo Stellita e Antonella Ruggiero (foto).

  • Cavallo bianco, la canzone con cui i Matia Bazar fecero il loro esordio nel 1976.

ANTONELLA RUGGIERO: «AMAVA LA VITA». La cantante ha ricordato così l'amico scomparso: «Non importa da quanto tempo non ti vedi o non ti senti, certi rapporti basati su anni di vita in comune, di viaggi e chilometri macinati, rimangono forti. E sai che quando hai bisogno, l'amico c'è. E Giancarlo era così. Amava la vita, era una persona curiosa, estroversa e aveva fatto dei Matia Bazar un'ideale di vita. Il suo punto di riferimento insieme alla famiglia». Giancarlo Golzi è stato l'unico, tra i musicisti della band, a rimanere sempre fedele ai Matia Bazar . «Gli altri, compresa me», ha ricordato ancora la Ruggiero, «si sono mossi in altre maniere, lui è rimasto fedele a un sogno. Mi ricordo e mi ricorderò sempre di lui. Ma ora la mia vicinanza è per la moglie Miriam e per il figlio Davide».

  • Per un'ora d'amore, brano d'esordio dei Matia Bazar assieme a Cavallo bianco.


EROS RAMAZZOTTI: «LO RICORDO PER LA SUA GENTILEZZA». Eros Ramazzotti, con un post su Instagram, ne ha sottolineato invece la gentilezza: «Eri un grande professionista, umile e di grande rispetto, io ti ricordo per la tua gentilezza che oramai è rara in questo mondo, non solo quello musicale. Guardaci da lassù e portaci dove il mare è più blu. Ti voglio bene Gian. Eros». Anche Gigi D'Alessio ha voluto salutare su twitter il «mitico batterista».

  • Un assolo alla batteria di Giancarlo Golzi.

Correlati

Potresti esserti perso