Migranti Bresso 150824133034
MANIFESTAZIONE 24 Agosto Ago 2015 1327 24 agosto 2015

Bresso, i profughi protestano e bloccano il traffico verso Milano

Chiesta maggiore velocità nelle procedure di identificazione e asilo. Circolazione paralizzata per un'ora su viale Fulvio Testi. La polizia carica: video.  Foto.

  • ...

I profughi protestano a Bresso e bloccano per un'ora il traffico su viale Fulvio Testi, in direzione Milano (foto).
Un centinaio di persone, 'ospiti' del campo allestito dalla Croce Rossa nel comune lombardo, hanno voluto denunciare così le condizioni di vita all'interno del centro, chiedendo allo stesso tempo più celerità nelle procedure necessarie per l'identificazione e la concessione dell'asilo.

TENSIONE CON LE FORZE DELL'ORDINE. Ci sono stati dei momenti di tensione quando alcuni giornalisti hanno cercato di entrare nella struttura, mischiandosi tra i migranti o letteralmente sospinti da questi utlimi (l'esatta dinamica dei fatti non è ancora chiara). La Croce Rossa, che gestisce il campo, avrebbe fatto allontanare i cronisti e questo avrebbe scatenato la rabbia degli stranieri. Secondo la Questura non c’è stato alcun contatto con le forze dell’ordine, ma alcuni video pubblicati in Rete dal sito YouReporter mostrano invece delle cariche di alleggerimento. Successivamente la Questura stessa ha precisato che c'è stato un momento di tensione con un «breve contatto», ma senza feriti né persone medicate sul posto, come confermato dal 118. La protesta, iniziata attorno alle 9.30 di lunedì 24 agosto, è rientrata poco prima delle 11, quando i profughi hanno fatto ritorno al centro.
SALVINI: «SONO OSPITI E ROMPONO PURE I C...». L'episodio non ha mancato di suscitare polemiche. Il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, ha scritto su Facebook: «Vogliono i documenti??? Col cacchio! Sono ospiti, a spese nostre, e rompono pure i coglioni. Io li caricherei di peso sul primo aereo, e tutti a casa loro!». Mentre il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, ha detto che «la protesta dei richiedenti asilo a Milano è l'ennesimo simbolo del fallimento delle politiche del governo Renzi-Alfano sull'immigrazione».
INCONTRO CON L'UFFICIO IMMIGRAZIONE. La polizia ha ribadito che la presenza dei giornalisti avrebbe creato tensioni. La stampa stava cercando di svolgere la propria funzione d'informazione, chiedendo di vedere l'interno dell'insediamento. Ma i media, per entrare nei centri d'accoglienza, «devono essere accreditati dalla Prefettura», ha spiegato un dirigente della Questura di Milano. In ogni caso, una volta rientrata la protesta, l'ufficio immigrazione ha incontrato i profughi, cercando di spiegare loro i tempi e il percorso burocratico necessario per completare l'esame delle loro richieste d'asilo.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso