PROFUGHI 18 Settembre Set 2015 1630 18 settembre 2015

Migranti, la Croazia li fa passare in Ungheria

Il premier Milanovic: «Il confine non può essere sigillato». Ma Orban prepara un nuovo muro. Foto.

  • ...

«Il confine non può essere sigillato e tutta questa gente non si può trattenere in Croazia. Per ora non impediremo a nessuno di entrare, ma neanche di uscire dal Paese».
Il premier croato Zoran Milanovic è stato di parola. Le autorità di Zagabria stanno facendo passare i flussi di profughi entrati nel Paese nelle ultime ore, lentamente, dalla Croazia all'Ungheria. Una ventina di autobus, con a bordo circa 1500 migranti, sono giunti nei pressi di Beli Manastir (foto), al confine con l'Ungheria, e sono stati fermati. Da lì, tuttavia, i migranti sarebbero saliti a bordo di pullman ungheresi, diretti verso il confine con l'Austria.


ORBAN: «NESSUNO CI AIUTA». L'Ungheria, intanto, ha deciso di costruire una barriera anche alla frontiera con la Croazia. «Budapest non può contare sull'aiuto da Sud. Né dalla Serbia, né dalla Croazia, né dall'Europa occidentale», ha dichiarato il premier conservatore Viktor Orban.
IL CORRIDOIO CROATO. Tra i Balcani e l'Europa si snoda il labirinto dei profughi. Stando ai media locali un nuovo corridoio si sarebbe aperto tra i villaggi di Baranjsko Petrovo Selo, in Croazia, e Beremend, in Ungheria.
EUROSTAT, IN GERMANIA IL 38% DELLE DOMANDE D'ASILO. L'Eurostat, invece, ha diffuso nuovi dati sulle rischieste d'asilo in Europa. La Germania si conferma la meta preferita anche nel secondo trimestre del 2015. Il 38% dei richiedenti asilo in Europa, cioè 80.900 persone, ha fatto domanda a Berlino, il 15% in Ungheria (32.700 persone), l'8% in Austria (17.400 persone) e il 7% in Italia, Francia e Svezia (14.900 persone).

Articoli Correlati

Potresti esserti perso