Mugabe 150929174134
VIDEO 29 Settembre Set 2015 1741 29 settembre 2015

Onu, Mugabe: «Noi non siamo gay!»

La dichiarazione del dittatore dello Zimbabwe mostra tutte le difficoltà di parlare di omosessualità in certi Paesi africani.

  • ...

Il presidente dello Zimbabwe, Robert Mugabe, ha voluto rassicurare l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite sull'orientamento sessuale degli zimbabwesi. «Noi non siamo gay!», ha dichiarato il 29 settembre davanti ai rappresentanti nazionali riuniti al Palazzo di Vetro di New York.

  • Il discorso del presidente dello Zimbabwe, Robert Mugabe.

L'incredibile dichiarazione è la dimostrazione di come nel Paese africano (e in molti altri) l'omosessualità non sia soltanto vista male, ma del tutto cancellata come tematica.
«Rifiutiamo tutti i tentativi di prescrivere “nuovi diritti” contrari ai nostri valori, alle nostre norme e tradizioni e al nostro credo», ha detto Mugabe prima di pronunciare le parole che hanno alimentato infinite critiche sulla rete e nei media.
Dalla platea si sente partire una risata, nonostante il dittatore, al potere dal 1987, fosse estremamente serio. Non c'è bisogno di nuovi diritti, perché non ci sono gay. Fine della questione.
L'OMOSESSUALITÀ IN AFRICA: ILLEGALE IN 70 PAESI
Nella maggior parte degli Stati africani esistono leggi contro l'omosessualità. In 70 Paesi è considerata illegale. Anche per questo motivo è particolarmente difficile avere dati sull'orientamento sessuale degli abitanti e sulle violazioni dei diritti dei gay.
Ecco una mappa di Amnesty International sulle legislazioni africane in termini di omosessualità in Africa:

Correlati

Potresti esserti perso