James Kimmel 151014113036
INTERNET 14 Ottobre Ott 2015 1137 14 ottobre 2015

SavingCain.org, un sito per aiutare i potenziali killer

Un ricercatore di Yale apre un sito per dissuadere chi programma stragi di massa.

  • ...

James P. Kimmel, ricercatore di Yale e fondatore del sito internet SavingCain.org.

Quando era adolescente, e vittima dei bulli della scuola, James P. Kimmel aveva un solo desiderio: vendicarsi. Un giorno, dopo l'ennesimo sopruso subito, caricò una pistola e salì in auto, raggiunse i suoi 'nemici' e puntò il mirino contro loro. Stava per premere il grilletto quando cambiò idea: «Pensai che uccidendo loro, sarei morto anche io. In senso letterale o figurato».
EMPATIA PER IL KILLER. Oggi Kimmel è un docente di psichiatria e ricercatore all'università di Yale. E, come ha raccontato al Daily Beast, quando legge sui giornali di stragi come quella dell'Umpqua college di Roseburg non riesce a non provare una forma di empatia per i killer. Per questo ha deciso di creare SavingCain.org, per provare a salvarli dal loro destino.
«Se stai pensando di uccidere una persona, o di commettere un omicidio di massa... leggi prima questo sito», è l'invito con cui si apre il portale, «ci vorranno solo 5 minuti»
L'idea di fondo è che chi sente impulsi omicidi non è cattivo, sta solo cercando di colmare le carenze affettive. Esattamente come Caino, che uccise Abele perché non si sentiva sufficientemente amato da Dio.
«COME UNA DROGA». «Alcuni neuroscienziati hanno recentemente scoperto che gli stessi centri di piacere del cervello che si attivano sotto l'effetto di droghe entrano in funzione quando le persone infliggono una punizione che ritengono giusta», spiega Kimmel sul suo sito, «In altre parole, quando ci sentiamo profondamente feriti e vogliamo punire chi ci ferisce, sentiamo alcune pulsioni biologiche analoghe a quelle dei tossicodipendenti».
Per questi motivi, secondo il ricercatore di Yale, è possibile salvare vite (quelle delle vittime e quelle dei killer) spostando il centro del problema dal controllo sulla diffusione delle armi al supporto psichiatrico. «Ci sono tanti siti online per la prevenzione dei suicidi, perché non provare a fare lo stesso per chi ha pulsioni omicide?». Nel portale sono presenti anche i numeri da chiamare per chi si senta sopraffatto dal bisogno di uccidere.
Un esperimento ambizioso, quello di Kimmel, che non incontra alcuna resistenza tra gli altri esperti, convinti che, in questo caso, tentare non possa nuocere.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso