Papa Fukushima 151021232041
VATICANO 21 Ottobre Ott 2015 2117 21 ottobre 2015

Papa, il dottor Fukushima e le fotografie ritoccate sul suo blog

Foto ritoccate. Un'indagine a Salerno. Le ombre del presunto medico di Francesco. 

  • ...

Il dottore dei vip. Seicento interventi l'anno. L'incontro con il pontefice. E un elicottero che lo aveva trasportato dalla clinica di Pisa direttamente in Vaticano. Per quasi 24 ore, a partire dalla pubblicazione dello 'scoop' sul Resto del Carlino, il dottor Takanori Fukushima è diventato per tutti il medico che ha in cura papa Francesco per un tumore al cervello. Peccato che le foto dell'incontro con il papa pubblicate sul suo blog siano state palesemente ritoccate. E che, parole della sua collaboratrice, il luminare non ha «né curato né visitato il papa».
Dopo la 'rivelazione' della stampa, il neurochirurgo giapponese ha persino rimosso dal suo blog i due post sulle missioni in Vaticano di ottobre 2014 e gennaio 2015. Nel primo c'erano anche le due foto, ritoccate, dell'incontro col Papa.
LA SMENTITA E IL RILANCIO DI QN. Le smentite erano arrivate sonore dalla sala stampa vaticana già nella notte tra il 20 e il 21 ottobre e erano state ribadite in mattinata. Eppure il gruppo Quotidiano nazionale ha difeso la sua 'notizia'. Papa Bergoglio, secondo Qn, si sarebbe recato alcuni mesi fa alla clinica San Rossore di Barbaricina, nei pressi di Pisa, dove l'elicottero papale sarebbe stato visto atterrare. In quella occasione il Papa sarebbe stato visitato dal professore Fukushima, esperto in tumori al cervello e aneurismi, riportando una prognosi in base alla quale non sarebbe stato necessario un intervento chirurgico.
IL DIRETTORE DELLA CLINICA: PARTITO DA QUI. Nel tentativo di avvallare o verificare lo scoop sulla malattia del papa, la maggioranza della stampa ha citato le parole dello stesso professore. Non dirette, ma scritte sul suo blog. «Sono stato invitato in Vaticano e ho avuto l'opportunità di incontrare Papa Francesco mercoledì 1 ottobre», riportava online Fukushima. E poi la testimonianza di Andrea Madonna, titolare della clinica di Pisa frequentata da nomi dello star system nostrano e internazionale, che all'Ansa ha spiegato: «Un elicottero del nostro gruppo ha trasportato Fukushima per un trasferimento urgente a Roma alla fine dello scorso gennaio ma di più non so». Le versioni non tornano. Ma tanto è bastato per creare il caso.

Il sito del neurochirurgo Takanori Fukushima.  

«In Giappone è adorato come una divinità», ma in Italia...

Il profilo del professore nipponico, del resto, si presta. Soprattutto se si legge la descrizione che fa di se stesso sul suo sito. Oltre 24.000 interventi in 35 anni di attività: «Ho dedicato me stesso a fare il massimo per assicurarmi di poter salvare il maggior numero di pazienti». Luminare del tumore al cervello e inventore della 'keyhole', tecnica mini-invasiva nella craniotomia, Fukushima gira il mondo tra Giappone, Italia e Cina per tornare sempre al quartier generale americano della Duke University a Raleigh, nella Carolina del Nord. Malgrado i suoi 73 anni, il medico figlio del sommo sacerdote del santuario Meiji di Tokyo dedicato all'imperatore Mutsuhito, il modernizzatore del Giappone, dice di operare alla media di 600 interventi all'anno.
RECORD MONDIALE DI INTERVENTI A RISCHIO. Il suo sito è una sfilza impressionante di numeri: oltre 16.000 casi di delicate operazioni alla base cranica per esempio, che lui stesso definisce «un record mondiale».
Amante delle belle auto - recentemente ha provato due Ferrari a Modena, racconta nel suo blog - e anche musicista, l'uomo sguazza nella celebrità. In Giappone è un volto noto, tra partecipazioni a talk show della tv pubblica Nhk, ospitate all'emittente commerciale Tbs e interviste a magazine specializzati. Di più, secondo il direttore di San Rossore, è addirittura «adorato come una divinità». E è persino diventato protagonista di un manga dal titolo 'Dr. Fukushima, l'uomo dalla mano di Dio. Come non morire per un aneurisma celebrale', pubblicato, pensate un po', sotto la sua stessa supervisione editoriale. In Italia però il grande neurochirurgo da maggio è coinvolto in un'inchiesta della procura di Salerno su un giro di mazzette e liste d'attesa modificate.
LE FOTO CHIARAMENTE RITOCCATE. E per smentire la ricostruzione di Qn è bastata una telefonata della Reuters allo studio americano del professore. Lori Radcliffe, amministratrice dello studio di Fukushima presso il Carolina Neuroscience Institute, ha descritto la notizia della visita al pontefice come «assolutamente falsa». Radcliffe ha aggiunto che Fukushima ha incontrato il pontefice quest'anno nell'ambito di una visita generale al Vaticano e di avergli stretto la mano. Eppure ancora qualcosa non quadra. Sul blog del professore, infatti, sono state pubblicate le foto del suo incontro col papa, ma chiaramente ritoccate. Nella versione pubblicata da Fukushima, il professore è a tu per tu con il pontefice. Ma a vedere le immagini ufficiali sul sito dell'Osservatore Romano la realtà è ben altra: Fukushima è circondato da decine di fedeli che stringono la mano a Bergoglio, tutti in fila dietro la consueta transenna foderata di stoffa. Certo è che il chirurgo quel giorno era all'udienza del Papa, anche in una posizione privilegiata rispetto ai 30 mila fedeli presenti, ma insieme a tante altre persone e non certo in un incontro a due. Smania di grandezza, la sua? O coinvolgimento nell'intento manipolatorio denunciato dal quotidiano ufficiale della Santa Sede? Di certo chi ha fatto il suo nome doveva conoscerne anche i lati meno luminosi.

Le foto pubblicate sul blog del professore Fukushima e quelle originali dell'Osservatore Romano. (Ansa)

Articoli Correlati

Potresti esserti perso