Olio 151110192934
AZIENDE 10 Novembre Nov 2015 1930 10 novembre 2015

Finto olio extra-vergine: sette aziende indagate

Ai responsabili di Carapelli, Bertolli, Sasso, Coricelli, Santa Sabina, Prima Donna e Antica Badia contestato il reato di frode commerciale.

  • ...

Un passaggio di produzione dell'olio.

L'olio di oliva non era extravergine. Per questo, il pm della procura di Torino, Raffaele Guariniello, ha contestato ai rappresentanti legali di una decina di aziende del settore il reato frode in commercio.
Il pubblico ministero ha iscritto nel registro degli indagati i responsabili di sette aziende produttrici di olio: Carapelli, Bertolli, Sasso, Coricelli, Santa Sabina, Prima Donna e Antica Badia.
LA SEGNALAZIONE DELLA RIVISTA IL TEST. È partita dalla rivista 'Il Test' la segnalazione che ha fatto scattare l'inchiesta della procura di Torino sulla genuinità dell'olio extravergine di oliva.
Il periodico, lo scorso maggio, aveva pubblicato un servizio da cui risultava che «ben 9 delle 20 bottiglie» fatte analizzare «dal laboratorio chimico di Roma dell'Agenzia delle Dogane sono state declassate dal comitato di assaggio a semplici oli di oliva vergine».
Il pm Raffaele Guariniello ha fatto ripetere l'accertamento, ordinando ai carabinieri del Nas di prelevare altri campioni.
MARTINA: «TUTELARE IL SETTORE». «Seguiamo con attenzione l'evoluzione delle indagini della Procura di Torino, perché è fondamentale tutelare un settore strategico come quello dell'olio d'oliva italiano». Così il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina sulle indagini della procura.
«Da mesi abbiamo rafforzato i controlli», sottolinea il ministro Martina, «soprattutto in considerazione della scorsa annata olearia che è stata tra le più complicate degli ultimi anni. Nel 2014, il nostro Ispettorato repressione frodi ha portato avanti oltre 6 mila controlli sul comparto, con sequestri per 10 milioni di euro. È importante ora fare chiarezza per tutelare i consumatori e le migliaia di aziende oneste».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso