Charlie Hebdo 150107132939
VIOLENZA 14 Novembre Nov 2015 0206 14 novembre 2015

Attacco a Parigi, i precedenti in Europa

Da Atocha a Charlie Hebdo: gli attentati islamici che hanno insanguinato il Vecchio continente.

  • ...

Quella di Parigi è l'ultima pagina di una scia di sangue che ha attraversato nell'ultimo decennio l'Europa.


2004- MADRID, LA STRAGE DI ATOCHA. Gli attentati più sanguinosi che si impongono al ricordo nella notte degli attacchi a Parigi, sono le bombe di matrice islamica che l'11 marzo 2004 causarono 191 morti e oltre 2 mila feriti su binari e treni regionali della capitale spagnola nelle stazioni di Atocha, El Pozo, Santa Eugenia.
Vengono ricordati anche con la formula 11-M o M-11 in parallelo con l'11/9 delle Torri gemelle di New York nel 2001.

2005 - LONDRA, METRO E AUTOBUS. Poco più di un anno dopo, il 7 luglio 2005, 52 pendolari furono uccisi in quattro attentati suicidi che colpirono, nell'ora di punta, tre diverse stazioni della metropolitana e un autobus a Londra.
Due le rivendicazioni, entrambe attribuite a gruppi legati ad al Qaeda, come risposta al coinvolgimento britannico in Iraq e in Afghanistan.
Il 21 luglio seguirono altre quattro esplosioni sulla metropolitana e su un autobus, ma solo detonatori, e non ci furono vittime.
Sempre nella capitale due fanatici vicini ad al Qaeda nel maggio 2013 uccisero con un machete un militare britannico.

2012 - TOLOSA, VIOLENZA CONTRO GLI EBREI. Nel marzo 2012 tre studenti ebrei, un rabbino e tre militari furono uccisi a Tolosa, in Francia.

2013 - BRUXELLES, ATTENTATO ANTISEMITA. Nel 2013 a Bruxelles in un attentato antisemita morirono quattro persone al museo ebraico di Bruxelles. L'assassino, un ex miliare francese legato all'Isis, li freddò a colpi di kalashnikov.

2015 - LA STRAGE DI CHARLIE HEBDO. All'inzio del 2015, il 7 gennaio, al grido di Allah Akhbar si consumò la strage nella redazione del settimanale satirico Charlie Hebdo: 12 le vittime e 11 i feriti.
Prima delle stragi di Parigi di venerdì notte, era entrato nei libri di storia come l'attentato terroristico col maggior numero di vittime in Francia dopo quello del 1961 durante la guerra d'Algeria (che causò 28 morti).
L'attentato era stato rivendicato da al Qaeda nella Penisola Arabica, branca yemenita dell'organizzazione.
Il 9 gennaio, poi, un complice degli attentatori si barricò in un supermercato kosher a Porte de Vincennes, uccidendo quattro persone.

2015 - COPENAGHEN, ATTENTATO DURANTE LA FATWA. Sempre quest'anno, un'altra capitale della libertà religiosa e di espressione è stata colpita dalla violenza islamista. Il 14 febbraio a Copenaghen, un attentatore uccise un civile e ferì tre poliziotti a una conferenza in cui si celebrava la fatwa iraniana contro Salman Rushdie e la sua presunta blasfemia.
La notte successiva si consumò un'altra sparatoria presso la sinagoga grande della capitale danese, dove si stava svolgendo un bar mitzvah: un componente della comunità ebraica di 37 anni rimase ferito a morte.

2015 - IL CASO COULIBALY. Sempre in febbraio, tre militari di servizio davanti a un sito della comunità ebraica di Nizza furono accoltellati aggrediti da Amedy Coulibaly, francese di origine africana.
Venne inoltre sventata una strage con l'arresto di Sid Ahmed Ghlam, studente trovato in possesso di un vero e proprio arserale di guerra: il ragazzo voleva attaccare la chiesa di Villejuif, nella periferia parigina.

2015- ATTACCO AL TGV. Il 22 agosto, un marocchino già noto all0intelligence francese e spagnola aprì il fuoco a bordo di un Tgv, un treno ad alta velocità che viaggiava da Amsterdam a Parigi. Ayoub al-Qahzzani, 26 anni, era legato a una cellula jihadista belga.
L’attentatore fu placcato da tre americani che evitarono quella che poteva essere una strage.

Correlati

Potresti esserti perso