Solesin 151114135205
ANSIA 14 Novembre Nov 2015 1347 14 novembre 2015

Parigi, Valeria Solesin dispersa al Bataclan

La ragazza italiana, 28 anni, era al teatro assaltato dai terroristi. Di lei nessuna notizia dopo il blitz delle forza di sicurezza francesi.

  • ...

Una studentessa italiana è irreperibile a Parigi, la capitale francese colpita dai sette attentati rivendicati dall'Isis.
Si tratta di Valeria Solesin, veneziana, 28 anni.
La ragazza era al teatro Bataclan con il fidanzato e alcuni conoscenti, a vedere il concerto degli Eagles of Death Metal.
Durante la fuga seguita al blitz delle forze di sicurezza, gli amici l'hanno persa di vista e di lei al momento non si hanno notizie.
«CERVELLO IN FUGA DALL'ITALIA». Valeria si è diplomata al liceo scientifico Benedetti di Venezia, ha conseguito la laurea a Trento e da quattro anni sta svolgendo un dottorato all'Istituto di Demografia dell'Università della Sorbona Parigi 1.
Nell'ateneo si occupa di temi legati alla famiglia e ai bambini, oltre alla comparazione sociologica tra sistema francese e italiano.
Un'amica dei genitori l'ha definita «uno dei cervelli in fuga dall'Italia».
Chiunque abbia informazioni utili è pregato di contattare il numero seguente.

L'AMICA: «HO VISTO VALERIA FERITA». Sergio Fiocco, funzionario del Consolato generale d'Italia a Parigi, ha detto ai microfoni di Radio24 che un'amica ha visto Valeria ferita al Bataclan.
L'amica ha avuto solo il tempo di prendere la borsa con il cellulare, poi è scappata.
Da quel momento in poi della giovane veneziana non si è saputo più nulla.
Valeria non ha con sé i documenti, che erano nella borsa presa dalla sua amica.
La speranza in queste ore è che sia stata solo ferita, e non sia invece fra le vittime.
«Ancora non c’è una lista dei morti e dei feriti», ha aggiunto Fiocco.
VIVE A PARIGI DA SEI ANNI. Solesin vive a Parigi da sei anni.
Nel weekend lei e il fidanzato Alberto Ravagnani, un ragazzo di Trento titolare di un negozio nella capitale francese che si è salvato ma non ha notizie della ragazza, erano stati raggiunti dalla sorella di Alberto, Chiara Ravagnani, e dal suo fidanzato Stefano Peretti.
Tutti e quattro appassionati di rock, avevano deciso di andare a sentire il concerto degli Eagles of Death Metal al Bataclan.
CON GLI AMICI TRA GLI OSTAGGI. Poi, improvvisamente, è scoppiato l'inferno.
I quattro ragazzi sono rimasti a lungo tra gli ostaggi e hanno cercato di nascondersi all'interno del teatro.
Quando è iniziata la sparatoria hanno perso le tracce di Valeria, e poi sono stati liberati dalle forze di sicurezza francesi.
LA MAMMA: «SPERIAMO SIA TRA I FERITI». «Non abbiamo notizie di Valeria. Sappiamo che non è nella lista dei deceduti, è un piccolo conforto. Speriamo sia tra i feriti, ma la Farnesina ci dice che gli ospedali parigini sono blindati ed è difficile accedere alle informazioni». Così Luciana Milani, la mamma di Valeria Solesin, all'agenzia di stampa Ansa.

Correlati

Potresti esserti perso