Vladimir Putin Fran 151117172550
OFFENSIVA 17 Novembre Nov 2015 1655 17 novembre 2015

Francia in guerra, indagini a tappeto e raid con la Russia

Raid raddoppiati in Siria. E navi della Marina al fianco delle portaerei francesi. Mosca soccorre Hollande nella lotta all'Isis: «Coalizione come contro Hitler».

  • ...

Vladimir Putin e François Hollande.

Una coalizione internazionale per fronteggiare l'Isis, sulla falsariga di quella che si è opposta ad Adolf Hitler.
È questa la proposta della Russia a Stati Uniti, Unione europea e Medio Oriente, quattro giorni dopo gli attentati che hanno violentato Parigi.
Un proposito accompagnato dall'offensiva armata di Vladimir Putin, che ha intensificato i raid in Siria, parallelamente all'azione condotta dai jet francesi.
BOMBARDAMENTI RADDOPPIATI. Nelle ultime ore, l'aeronautica di Mosca ha raddoppiato le incursioni aeree contro i jihadisti dell'Isis, utilizzando per la prima volta anche 25 bombardieri strategici a lungo raggio, tra cui Tu-160, Tu-95 Ms e Tu-22M3, partiti dalla Russia.
INCROCIATORE CON I FRANCESI. Putin in persona ha dato l'ordine all'incrociatore 'Moskva', che si trova nel Mediterraneo, di cooperare con le forze navali francesi «come alleati». E in colloquio con François Hollande, sempre Putin ha parlato del «coordinamento degli sforzi» contro lo Stato islamico.
VENDETTA PER L'AIRBUS. La prova di forza di Mosca arriva, non a caso, dopo la conferma che l'esplosione dell'Airbus decollato da Sharm el-Sheik è conseguenza di una bomba esplosa a bordo. A tal proposito, il ministero degli Esteri ha spiegato che «in seguito all'attacco terroristico che ha causato l'abbattimento in Sinai la Russia agira' in linea con l'articolo 51 dello statuto dell'Onu, che prevede il diritto di uno Stato all'autodifesa».
Su Raqqa, occorre ricordarlo, agiscono anche le forze dell'aeronautica statunitense, che hanno avviato sul territorio l'operazione Tidal Wave II.
CONTINUA LA CACCIA A SALAH. Sul suolo europeo, intanto, continua la caccia all’ottavo uomo del commando, Abdesalem Salah, ricercato in tutta Europa.
In allarme i Paesi confinanti con la Francia, Spagna e Italia comprese.
L'uomo sembra essere apparso in un video pubblicato da SkyNews, a spasso sorridente per Parigi il giorno degli attacchi, forse per un sopralluogo prima di entrare in azione.
SECONDO UOMO IN FUGA? Del commando di otto terroristi che hanno portato la morte a Parigi si conosce ormai con certezza l'identità di cinque componenti, tutti francesi, con un punto interrogativo sul sesto (leggi cosa sappiamo sulla loro identità). Secondo fonti della polizia francese citate da Le Monde, infatti, un altro uomo potrebbe essere coinvolto negli attentati e in fuga come Abdesalem Salah.

Segui il liveblogging:

18.56 - VIDEO ISIS MINACCIA PURE IL COLOSSEO. Il ramo iracheno dell'Isis ha pubblicato un nuovo video, 'Messaggio al popolo della croce': «I cristiani ci hanno dichiarato guerra, il loro sangue non sarà risparmiato». Nella foto che accompagna il video - che celebra l'abbattimento dell'aereo russo e le stragi di Parigi - si notano il britannico Big Ben, la Torre Eiffel e il Colosseo.

18.24 - ANONYMOUS OSCURA 5.500 ACCOUNT JIHADISTI. Anonymous ha annunciato di aver violato e oscurato 5.500 account dell'Isis su Twitter nell'ambito della 'guerra' contro lo Stato islamico.

Tweet riguardo #OpParis

18.17 - ALLARME BOMBA ALLA TORRE EIFFEL. Una vasta area attorno alla Tour Eiffel è stata chiusa alle auto e ai passanti per un allarme bomba. La zona è presidiata da gendarmeria e polizia e sono in corso i controlli nella torre, chiusa ai turisti dal giorno dell'attacco, e nella zona circostante.

17.43 - CACCIA A UN SECONDO UOMO. La Francia è alla ricerca di un secondo fuggitivo direttamente coinvolto negli attentati di Parigi. Tre funzionari, che hanno parlato chiedendo di rimanere anonimi in quanto non autorizzati a fornire dettagli sulle indagini, hanno detto che da un'analisi degli attacchi del 13 novembre a Parigi risulta che ci sarebbe un'altra persona direttamente coinvolta negli attentati, che non è stata ancora identificata. Secondo il sito di Le Monde, «in base a numerose testimonianze raccolte dalla polizia», sulla Seat nera usata per gli attacchi ai caffè nel decimo e 11esimo arrondissement ci sarebbe stato un terzo passeggero, insieme ai fratelli Brahimi e Salah Abdeslam.

16.37 - IL FRATELLO DI SALAH: «ARRENDITI ALLA POLIZIA». «Gli consiglio di arrendersi alla polizia». Lo ha detto Mohamed Adeslam, il fratello dell'uomo più ricercato di Francia, Salah Abdeslam, intervistato da Bfm-tv. «Il meglio è che si arrenda affinché la polizia possa fare piena luce su tutta questa storia».

Correlati

Potresti esserti perso