Droga 151118192244
TERRORISMO 18 Novembre Nov 2015 1923 18 novembre 2015

Cos'è il Captagon, la droga della jihad

Siringhe trovate nelle camere affittate dai terroristi di Parigi. Gli attentatori potrebbero aver assunto sostanze per 'sentirsi invincibili'.

  • ...

Il Captagon, un tipo di anfetamina usata in Medio Oriente.

Per rimanere freddi e concentrati durante un'azione terroristica come quella di Parigi, un aiutino può essere molto utile.
Secondo alcuni media francesi, gli attentatori del 13 novembre avrebbero assunto il Captagon, un'anfetamina che è già stata soprannominata la 'droga dei kamikaze'.
Nelle camere affittate dai jihadisti all'hotel Alfortville (nella regione della Val-de-Marne, sud ovest di Parigi) sono state trovate alcune siringhe con tubicini e fialette, che gli uomini potrebbero aver usato per iniettarsi la droga.
Già il Guardian nel 2014 dava notizia dell'uso di questa sostanza nella guerra civile siriana. Il Captagon riesce a tenere in piedi un uomo anche in condizioni fisiche critiche: un effetto molto utile durante una battaglia.
O durante un attentato.
«CREA UN SENSO DI ONNIPOTENZA». È il parere di Fabrizio Schifano, professore di farmacologia clinica e primario psichiatra dell'università dell'Hertfordshire. «Le anfetamine mettono la persona in una situazione psicologica simile a quella dei pazienti maniacali, creando un senso di onnipotenza», spiega l'esperto. «Da sempre i soldati utilizzano delle sostanze. Si dice ad esempio che i kamikaze giapponesi nella seconda guerra mondiale prendessero anfetamine, che circolavano anche nelle trincee del primo conflitto mondiale».
SCONOSCIUTO IN OCCIDENTE. Il Captagon non è molto diffuso in Occidente, mentre è una sostanza che si trova relativamente in abbondanza in Medio Oriente. A confermare il dato anche l'Atlante dell'uso di sostanze nel Mediterraneo Orientale pubblicato dall'Oms, che vede ad esempio per l'Arabia Saudita una prevalenza d'uso delle anfetamine dello 0,4%, superiore a quella delle droghe leggere, ferme allo 0,3%.
«Mentre qui da noi abbiamo i cannabinoidi e le droghe sintetiche come sostanze prevalenti», afferma Schifano, «in Medio Oriente sono 'rimasti' alle anfetamine. Il Captagon in particolare non si è visto di recente in Europa».
La sostanza, che spesso viene mescolata alla caffeina, era nel sangue di Seifeddine Rezgui, uno degli autori dell'attentato sulla spiaggia in Tunisia dello scorso 26 giugno dove morirono 39 persone.
LA DROGA USATA A KOBANE. Secondo alcuni report, dopo gli scontri di Kobane i curdi hanno trovato gradi quantità di Captagon nelle postazioni dell'Isis.
«Oltre al senso di invincibilità, ci sono altri effetti 'utili' ai terroristi», sottolinea l'esperto. «Le anfetamine o simili lavorano rilasciando noradrenalina e dopamina, aumentano la vigilanza e la resistenza alla fatica. Inoltre l'aumento della dopamina fa diventare paranoico, ma se sei braccato dalla polizia non è un male. Se a questo si aggiunge la caffeina, il livello di allerta aumenta e con essa l'ansia, che quando non è eccessiva può aiutare. In più si ha un aumento della combattività e dell'aggressività».

Correlati

Potresti esserti perso