Emiro Bianco 151124183517
BLITZ 24 Novembre Nov 2015 1833 24 novembre 2015

Tolosa, fermato l'emiro bianco Olivier Corel

Olivier Corel, imam salafita ritenuto l'ispiratore dei jihadisti francesi, è stato fermato ad Artigat, tra Tolosa e il confine spagnolo.

  • ...

Olivier Corel, l'emiro bianco, è stato fermato in Francia.

Lo chiamano l''emiro bianco'.
Il religioso salafita Olivier Corel, accusato di aver portato sulla via del jihad il killer di tolosa Mohammed Merah e di aver radicalizzato anche Fabien Clain, l'uomo che per conto dell'Isis ha materialmente pronunciato la rivendicazione degli attacchi terroristici compiuti a Parigi il 13 novembre, è stato fermato ad Artigat, nel Sud della Francia. La sua casa e la sede della sua associazione sono state perquisite da circa 60 agenti, mentre i mezzi blindati delle forze dell'ordine bloccavano gli accessi al comune. Nel blitz, la polizia ha usato anche due elicotteri.
CHI È L''EMIRO BIANCO'. Nato a Homs, in Siria, 69 anni fa, Al-Dandachi (questo il nome dell'emiro bianco) è arrivato in Francia nel 1973 e 10 anni dopo ha ottenuto la cittadinanza francese. Ex responsabile dell’Organizzazione degli studenti islamici di Francia, gruppo vicino ai Fratelli musulmani, Corel vive ad Artigat dal 1987 con la moglie. Nel piccolo paese di 600 abitanti nei pressi di Tolosa ha creato una comunità religiosa cui si sono avvicinati diversi giovani che in seguito hanno compiuto attentati terroristici, li hanno rivendicati oppure sono andati in Siria per unirsi al jihad.
Tra loro i fratelli Fabien e Jean-Michel Clain, che con la loro voce hanno posto il sigillo dell’Isis sugli attacchi di Parigi, Mohamed Merah, il francese di origine algerina che nel 2012 uccise sette persone a Tolosa e dintorni, e Sabri Essid, fratellastro di Merah, comparso in un video dello Stato islamico che riprende la decapitazione di un prigioniero.
ASSOLTO NEL 2009 PER MANCANZA DI PROVE. Nel 2009 Corel venne processato e assolto per mancanza di prove. All'epoca i fratelli Clain e altri estremisti vennero condannati a cinque anni di prigione. La polizia interrogò l’imam anche nel 2012, dopo gli attacchi compiuti da Merah, ma non furono formulate accuse nei suoi confronti. Corel dichiarò agli agenti che Merah gli fece visita una settimana prima dei suoi attacchi per chiedergli consiglio su questioni legate al divorzio e all’islam.
ESPLOSIVO RITROVATO A PARIGI. A Parigi, intanto, la polizia francese ha ritrovato un chilo di esplosivi e varie armi in un appartamento di Saint-Ouen, alla periferia Nord della città. La notizia è stata diffusa dal quotidiano Le Parisien: nella perquisizione gli agenti avrebbero sequestrato due panetti di esplosivo da 500 grammi ciascuno, detonatori elettrici e granate.

Correlati

Potresti esserti perso