Alma Shalabayeva Polizia 130715065711
GIALLO 26 Novembre Nov 2015 2056 26 novembre 2015

Caso Shalabayeva, i pm: «Fu sequestro»

Indagati il capo dello Sco e il questore di Rimini. La moglie del dissidente kazako Ablyazov espulsa dall'Italia.

  • ...

Il passaporto di Alma Shalabayeva.

Sequestro di persona: è l'accusa che i pm di Perugia contestano al capo dello Sco (Servizio centrale operativo della polizia) Renato Cortese, al questore di Rimini Maurizio Improta, ad altri cinque poliziotti e al giudice di pace Stefania Lavore per il caso Shalabayeva, la moglie del dissidente kazako Ablyazov espulsa dall'Italia. Agli indagati sarebbe stata notificata un'informazione di garanzia.
IN TOTALE OTTO PERSONE INDAGATE. Le accuse nei confronti di Cortese e Improta sono riferite a quando i due erano rispettivamente il capo della squadra mobile di Roma e il capo dell'ufficio stranieri della questura della Capitale. Con la stessa accusa, nel registro degli indagati della procura perugina - competente ad indagare in quanto è coinvolto un giudice del distretto di Roma - compaiono poi Luca Armeni e Francesco Stampacchia, all'epoca rispettivamente dirigente della sezione criminalità organizzata e commissario capo della squadra mobile di Roma, Vincenzo Tramma, Laura Scipioni e Stefano Leoni, tre poliziotti in servizio presso l'ufficio immigrazione.
CASSAZIONE: NON DOVEVANO ESSERE ESPULSE. Nell'informazione di garanzia inviata agli otto, secondo quanto si apprende, si sosterebbe che i poliziotti e il giudice di pace, in concorso con alcuni funzionari dell'ambasciata del Kazakistan di Roma, il 31 maggio del 2013 avrebbero sequestrato la Shalabayeva e sua figlia di sei anni nella villa di Casal Palocco a Roma e successivamente le avrebbero espulse. La donna e la figlia, ha affermato la Cassazione in una sentenza del luglio del 2014, non dovevano essere espulse dall'Italia e il provvedimento di rimpatrio era viziato da «manifesta illegittimità originaria».

Correlati

Potresti esserti perso