Polizia Carabinieri Campo 151207172930
PIANO 7 Dicembre Dic 2015 1729 07 dicembre 2015

Giubileo, Roma blindata: le misure di sicurezza

Due mila agenti in strada, metal detector e divieto di sorvolo: allerta massima per l'apertura della Porta Santa.

  • ...

Polizia e carabinieri in campo per garantire la sicurezza in occasione del Giubileo.

Aspettando l'apertura della Porta Santa che, la mattina dell'8 dicembre, darà ufficialmente il via al Giubileo, Roma è chiamata a fare i conti con le imponenti misure di sicurezza varate dalla questura per contrastare l'allarme terrorismo.
OLTRE 2 MILA AGENTI. Un dispiegamento di mezzi senza precedenti, che prevede innanzitutto l'aumento dei presidi delle forze armate in città, con oltre 2 mila agenti costantemente impegnati nella sorveglianza degli obiettivi sensibili: il Vaticano, le stazioni ferroviarie e della metropolitana, gli aeroporti, i luoghi di aggregazione e i monumenti.
METAL DETECTOR FISSI E PORTATILI. Nella giornata inaugurale, le misure di allerta messe in campo saranno le più alte previste dal piano antiterrorismo (livello quattro). Predisposte aree di servizio garantire le condizioni di massima sicurezza per i pellegrini. In ogni area saranno effettuate bonifiche con artificieri, unità cinofile anti-esplosivo e controlli con metal detector fissi e portatili.
Una trentina quelli utilizzati per i controlli sui fedeli: per il primo giorno la prefettura si aspetta in piazza San Pietro dalle 50 alle 100 mila persone.
PIÙ MEZZI PER GLI AGENTI. La polizia ha ricevuto, inoltre, nuove dotazioni di giubbotti antiproiettile e mezzi: 140 volanti, 100 auto e 80 moto. Gli agenti lavoreranno anche a bordo dei mezzi pubblici, in centro come in periferia, dove si è puntato, nelle ultime settimane, ad aumentare la sicurezza migliorando l'illuminazione dei quartieri
DIVIETO DI SORVOLO. Previsto il divieto di sorvolo per droni e ultraleggeri sul centro della città e sulle principali basiliche dalle 6 alle 22 dell'8 dicembre. Il piano di sicurezza varato dalla questura prevede anche l'uso di radar e caccia intercettori per la difesa aerea. Uomini dell'esercito e dell'aeronautica militare saranno utilizzati per attuare il dispositivo. È stata inoltre incrementata la sorveglianza e l'intervento aereo mediante l'impiego di elicotteri per l'intercettazione di velivoli a bassa velocità e di un velivolo a pilotaggio remoto per la sorveglianza delle aree sensibili della capitale.
TIRATORI SCELTI E ARTIFICIERI. Vietata la circolazione alle auto sulle strade limitrofe alla basilica di San Pietro, a cominciare da via della Conciliazione. Oltre che dagli uomini dei corpi pontifici (le 110 guardie svizzere e i 130 gendarmi), il Vaticano è presidiato all'esterno dalle forze dell'ordine italiane. Al lavoro anche squadre di tiratori scelti e artificieri.
NIENTE TRASPORTO DI CARBURANTI. Divieto, sempre per l'intera giornata dell'8 dicembre, del trasporto di carburanti, Gpl e metano nel territorio di Roma incluso nel Grande raccordo anulare e del trasporto di armi, munizioni, esplosivi e sostanze esplodenti, di gas tossici, nonché l'accensione di prodotti pirotecnici. Fino alle ore 18 di mercoledì 9 dicembre, è vietato il trasporto di armi, munizioni, esplosivi, sostanze esplodenti e gas tossici nel territorio di Roma compreso nel Gra. Vietata anche l'accensione di fuochi d'artificio.
VIETATE LE RIPRESE CINEMATOGRAFICHE. Fino al 9 dicembre sono vietate le riprese cinematografiche e televisive con armi di scena simili a quelle in dotazione alle forze dell'ordine.
Il Campidoglio, infine, ha disposto l’entrata in vigore del piano grandi eventi per i bus turistici. Nelle giornate dell’8, 13, 20 e 27 dicembre sarà possibile acquistare permessi giornalieri di tipo G, che consentiranno di prenotare un «parcheggio lunga sosta» in cinque aree situate nelle vicinanze di stazioni ferroviarie, delle stazioni della metropolitana e del Vaticano.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso