Stasi Garlasco Poggi 130405195702
SENTENZA 12 Dicembre Dic 2015 1100 12 dicembre 2015

Delitto di Garlasco, Alberto Stasi condannato

La Cassazione conferma in via definitiva la condanna a 16 anni di Alberto Stasi. Dopo otto anni la parola fine sul caso Poggi. La madre di Chiara: «Fatta giustizia».

  • ...

Alberto Stasi.

Alberto Stasi è stato condannato in via definitiva.
La Cassazione ha confermato la pena di 16 anni per l'unico imputato per l'omicidio di Chiara Poggi, uccisa nella villetta di famiglia a Garlasco il 13 agosto 2007.
L'11 dicembre la procura generale aveva chiesto a sorpresa l'annullamento della condanna, sottolineando «la debolezza dell'impianto accusatorio».
Ma la Suprema Corte ha deciso di convalidare la sentenza d’Appello bis che condannava Stasi a 16 anni di carcere e 1 milione di euro di risarcimento.
LA MAMMA DI CHIARA: «GIUSTIZIA È FATTA». «Sono emozionata. Dopo le parole del procuratore eravamo un po' pessimisti, ma giustizia è stata fatta». Così Rita Poggi, la madre di Chiara, ha commentato la sentenza fuori dalla villetta di Garlasco. «Ma non si può gioire per una condanna, una tragedia che ha sconvolto due famiglie. Alberto era quasi come un figlio».

LA DIFESA: «SENTENZA ALLUCINANTE». Sia la famiglia Poggi sia gli Stasi hanno atteso il verdetto lontano dalle telecamere. L'avvocato Fabio Giarda, del collegio difensivo di Stasi, ha definito la sentenza «allucinante e completamente illogica».
STASI SI È COSTITUITO IN CARCERE. Diventata definitiva la condanna, Stasi si è costituito nel carcere di Bollate (Milano) per l'esecuzione della pena.
Durante le indagini preliminari e nelle varie fasi di giudizio, il giovane non era stato mai posto in custodia cautelare, motivo per cui dovrà scontare per intero la pena.
LA CASSAZIONE RIGETTA I RICORSI. Sono stati respinti sia il ricorso di Stasi sia quello della procura generale di Milano, che chiedeva una condanna a 30 anni contestando l’aggravante della «crudeltà» dell’omicidio. Con questa decisione la Suprema Corte ha messo la parola fine a una vicenda giudiziaria iniziata otto anni fa.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso