Liberation Parigi 131118153817
PAURA 14 Dicembre Dic 2015 1238 14 dicembre 2015

Prof accoltellato a Parigi, cosa sappiamo e cosa non sappiamo

L'aggressore in fuga: «Sono dell'Isis». L'insegnante non rischia la vita.

  • ...

Torna l'incubo Isis in Francia. Un insegnante di Aubervilliers, banlieue di Parigi, è stato accoltellato la mattina del 14 dicembre da un uomo che ha proclamato di agire in nome dello Stato islamico e poi si è dato alla fuga.
UN MESE DOPO PARIGI. L’attacco arriva all’indomani del voto regionale in Francia e appena un mese dopo gli attentati di venerdì 13 novembre a Parigi che hanno causato 130 morti. Ecco cosa sappiamo e cosa non sappiamo finora.

L'aggressore era incappucciato e ha usato un taglierino

Il professore era solo in classe nella scuola materna Jean Perrin quando è stato attaccato da un uomo «incappucciato e con i guanti, vestito con una casacca bianca» riferisce TF1. L'aggressore è arrivato disarmato, poi ha usato un taglierino e un paio di forbici trovate in classe per colpire l'insegnante. Secondo testimoni avrebbe urlato: «Sono dell'Isis, questo è un avvertimento». Dopo l’agguato l’uomo si è dato alla fuga.

L'insegnante è in ospedale, ma non è in pericolo di vita

Nonostante le numerose coltellate inferte dall'aggressore, incluso alla gola, l’insegnante di 40 anni non è in pericolo di vita. È attualmente ricoverato all’ospedale Lariboisière di Parigi.

Aperta un'indagine per tentato omicidio con scopi terroristici

La procura antiterrorismo di Parigi ha aperto un’indagine per tentato omicidio legato ad associazione per delinquere con scopi terroristici.

L'Isis esortava ad attaccare le scuole francesi

A inizio dicembre la propaganda dei fondamentalisti dello Stato islamico indicava il sistema scolastico francese come bersaglio prioritario. In un numero speciale intitolato «La France à genoux» (La Francia in ginocchio) il magazine francofono dei terroristi Dar al Islam chiedeva ai genitori musulmani di «ritirare i loro figli dalle scuole francesi» e di «uccidere i professori che vi insegnano la laicità» perché è un «sistema miscredente».

Il precedente di Marsiglia: accoltellato insegnante di una scuola ebraica

A Marsiglia il 18 novembre tre attentatori avevano accoltellato un insegnante di una scuola ebraica esibendo una t-shirt con la bandiera nera dello Stato islamico. L’aggressione antisemita si era conclusa con la fuga dei tre uomini che avevano fatto perdere le loro tracce.

Incertezza sul reale legame tra lo Stato islamico e l'attentato

Nonostante l'uomo abbia dichiarato di agire per conto dell'Isis, non è ancora chiaro se l’azione sia effettivamente collegata al gruppo jihadista.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso