Abdeslam Salah 151120095049
RETROSCENA 17 Dicembre Dic 2015 1012 17 dicembre 2015

Salah, la notte in cui sfuggì all'arresto a Molenbeek

Due giorni dopo la strage di Parigi poteva essere arrestato. Ma la legge vietò il blitz tra le 23 e le 5.

  • ...

Abdeslam Salah.

La fuga di Abdeslam Salah, l'uomo più ricercato d'Europa, si arricchisce ogni giorno di particolari inquietanti.
Le ultime rivelazioni in arrivo da Bruxelles spiegano come Salah, uno dei responsabili delle stragi parigine ancora a piede libero, sia stato favorito dai cavilli burocratici della giustizia belga.
LOCALIZZATO A MOLENBEEK. Il ministro della Giustizia Koen Geens ha ammesso in tivù che il terrorista era stato «verosimilmente» localizzato a Molenbeek» nella notte tra il 15 e il 16 novembre, ma che non fu possibile arrestarlo perché il codice penale belga impedisce le perquisizioni notturne tra le 23 di sera e le 5 del mattino .
NASCOSTO IN UN MOBILE. Di più. Secondo Rtbf, la tivù pubblica belga, Salah sarebbe riuscito a scappare sotto il naso della polizia, nascondendosi in un mobile o in un veicolo e sfruttando un trasloco in corso nella via dove si nascondeva a Molenbeek, al numero 47 di rue Delaunoy.
Beffando così le forze speciali che, a rigor di legge, sono potute intervenire solo la mattina.
GIÀ LASCIATO ANDARE DAI FRANCESI. Non è la prima volta che Salah riesce a farla franca sfuggendo alla caccia degli inquirenti.
È certo che poche ore dopo gli attentati, per ben tre volte sia stato fermato e controllato a bordo di una Golf scura con altri due passeggeri dalle parti di Cambrai, vicino al confine belga. In quella circostanza i gendarmi francesi non annotarono il nome lasciandolo andare via.
Non solo. Il portavoce della procura federale belga, Eric van der Sypt, ha ammesso in passato che due dei fratelli Abdeslam, Brahim e Salah, furono fermati e interrogati dalla polizia prima degli attacchi terroristici a Parigi. «Tuttavia» - si è difeso - «non davano segno di costituire una potenziale minaccia». E così, anche in quel caso, furono lasciati andare.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso