Aids 160116173846
IL CASO 16 Gennaio Gen 2016 1537 16 gennaio 2016

Brescia, sieropositivo infettava volontariamente ragazzini: arrestato

In manette un 55enne: aveva rapporti non protetti con ragazzi per vendicarsi.

  • ...

Un 55enne bresciano è stato arrestato perché, pur sapendo di essere sieropositivo, pretendeva rapporti non protetti dai ragazzi, per lo più minorenni, che adescava tramite annunci in chat erotiche.
Arrestato nell'ambito dell'inchiesta Baby parking su un giro di prostituzione minorile e pedopornografia, l'uomo - a cui era stata diagnosticata l'Hiv nel 1997 - ha ammesso di voler infettare altri uomini per vendicarsi di chi aveva trasmesso a lui il virus.
AGLI ARRESTI DOMICILIARI. La sua attività di 'untore' è terminata quando la polizia locale di Montichiari (Brescia) gli ha recapitato un'ordinanza di custodia cautelare per prostituzione minorile e lesioni, ponendolo agli arresti domiciliari nel paese dove vive, a Collebeato (Brescia).
ALLA RICERCA DELLE VITTIME. Al momento le forze dell'ordine sono riuscite a rintracciare alcune delle sue vittime, tutti giovani bresciani dai 15 ai 24 anni che si prostituivano per 20-50 euro.
Il 55enne raccontava ai ragazzi di essere un pilota e per questo tenuto sotto controllo medico. In altri casi si spacciava per un ricco imprenditore della zona promettendo posti di lavoro ai giovani.
«Diceva di essere sano, di non avere alcuna malattia», hanno raccontato alcuni dei ragazzi rintracciati. «Era disposto a pagare di più per fare sesso senza alcuna protezione».
La polizia locale ha poi arrestato anche un 41enne di Brescia, eccato mentre si trovava in auto con un 16enne: nella sua abitazione sono state trovate più di 300 mila foto pedopornografiche.

Correlati

Potresti esserti perso