Marinelepen 160127134128
POLITICA 27 Gennaio Gen 2016 1351 27 gennaio 2016

Marine le Pen, indagine sulle proprietà immobiliari

La leader del Front National sospettata di aver dichiarato valori più bassi delle quattro case di cui è coproprietaria. A inchiodarla i numeri pubblicati dal settimanale Le Canard Enchaîné. E lei dà la colpa al padre Jean Marie.

  • ...

Marine Le Pen, leader del Front national, partito di estrema destra francese.

Marine Le Pen è «coproprietaria di quattro belle case. Ma poi non dichiara un granché». Il settimanale satirico francese Le Canard Enchaîné, nel numero del 26 gennaio, alza il tiro sull'inchiesta che dal 7 gennaio turba il sonno della leader del partito di estrema destra Front National.
La procura finanziaria di Parigi ha infatti aperto un'indagine preliminare per verificare se la Le Pen ha dichiarato per intero il valore delle sue proprietà immobiliari nel documento trasmesso lo scorso anno all'Alta autorità per la trasparenza della vita pubblica.
IL CANARD: UN PARCO IMMOBILIARE. «Per lei - scrive il Canard - non si tratta di milioni di euro nascosti in Svizzera ma di un parco immobiliare di cui è in parte proprietaria e che si rivela essere meno modesto di quanto dica». Il giornale cita quindi i beni in questione, dalla dimora a Saint-Cloud, alle porte di Parigi, a quella nella vicina Rueil-Malmaison, fino alla casa di Trinité-sur-Mer (Bretagna) passando per quella con piscina a Millas, vicino Perpignan, a due passi dalla Spagna.
LA TENUTA DI MONTRETOUT VALE IL DOPPIO. Il settimanale ha spiegato in particolare che, attraverso una società immobiliare, il presidente del Front detiene il 12,5% della tenuta di 430 metri quadri di Montretout a Saint-Cloud (nell'Hauts-de-Seine), il 75% è invece nelle mani del padre Jean Marie. Nelle loro rispettive dichiarazioni dei redditi i Le Pen hanno indicato che la proprietà vale 1,8 milioni di euro. La parte di Marine sarebbe quindi pari a 225mila euro. Secondo le informazioni in mano al Canard il palazzo vale invece tra i 3,5 e i 3,6 milioni di euro. La parte di Marine si aggirerebbe quindi a 450mila euro.
DICHIARATO UN DECIMO DEL VALORE DEL PALAZZO DI RUEIL-MALMAISON. Il settimanale sostiene che sia falso anche il valore dichiarato di 350mila euro per la dimora di famiglia di 220 metri quadri circondata da un giardino di 1.200 metri quadri a Rueil-Malmaison, distrutta da un incendio un anno fa. In realtà il valore sarebbe stato quasi dieci volte superiore.
LA LEADER DÀ LA COLPA AL PADRE. La leader, contattata dal settimanale, dà la colpa degli errori al padre, dicendo che lei avrebbe trasmesso dichiarazioni che lui le avrebbe passato.
TRE ANNI DI CARCERE PER FALSE DICHIARAZIONI. Il codice penale francese prevede una pena di tre anni di carcere, 45mila euro di multa e dieci anni di ineleggibilità per chi omette di dichiarare una parte sostanziale delle proprie attività o rilascia false dichiarazioni.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso