Hotel Bamako 160321213308
ATTENTATO 21 Marzo Mar 2016 2003 21 marzo 2016

Mali, attacco all'hotel degli stranieri

L'albergo Nord Sud di Bamako ospita gli istruttori militari dell'Unione europea. Fra loro anche 12 italiani. Un terrorista è stato ucciso, nessun ferito tra gli occidentali.

  • ...

L'hotel Nord Sud di Bamako attaccato dai terroristi.

Attentato a Bamako, capitale del Mali. L'hotel Nord Sud, che ospita gli istruttori militari dell'Unione europea, è stato attaccato da un commando di terroristi.
Uno di loro è stato ucciso, secondo quanto riferito da una fonte diplomatica francese al sito dell'Express. Un altro terrorista, asserragliato nell'edificio, potrebbe aver subito la stessa sorte: «la minaccia è stata neutralizzata», hanno riferito testualmente i militari.
Alcuni testimoni hanno detto di aver sentito colpi d'arma da fuoco e un'esplosione provenire dell'albergo.
L'ALBERGO OSPITA 500 MILITARI. Le forze europee attive in Mali, nell'ambito della missione Eutm, possono contare su 500 militari, di cui 200 istruttori. Una ventina sono italiani. Il 20 novembre 2015, sempre in Mali, 22 persone furono uccise nell'attacco all'hotel Radisson Blu condotto da un commando legato ad al-Qaida. L'account Twitter della missione Eutm, lunedì 21 marzo, ha comunicato che nessun membro del personale è rimasto ucciso o ferito nell'attacco.

A POCHI METRI DALL'AMBASCIATA AMERICANA. L'albergo Nord Sud si trova nel quartiere Aci 200, a pochi metri dall'ambasciata americana. Tutta l'area è stata chiusa al traffico e al pubblico ed è stata circondata dalle forze dell'ordine.
LE GUARDIE HANNO APERTO IL FUOCO. Filtrano le prime ricostruzioni sulla dinamica dell'attacco.
Alcuni uomini armati, ha affermato un funzionario del ministero della Difesa francese al quotidiano Le Figaro, hanno cercato di forzare l'entrata dell'hotel e le guardie appostate all'ingresso hanno aperto il fuoco. Un aggressore è stato ucciso. La sparatoria è proseguita per diversi minuti.
DIFESA: «I MILITARI ITALIANI STANNO BENE». I militari italiani impegnati in Mali stanno tutti bene, secondo fonti dello Stato maggiore della Difesa.
In tutto si tratta di 12 persone, che fanno parte a due distinte missioni dell'Unione europea. Tre sono presenti a Bamako, dove è avvenuto l'attacco. Sono stati contattati dall'Italia e hanno confermato che nessuno di loro è rimasto coinvolto dalla sparatoria.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso