Kimarmanucleare 151210105624
ARMAMENTI 9 Aprile Apr 2016 1143 09 aprile 2016

Kim Jong Un minaccia: «Gli Usa a portata di tiro»

La Corea del Nord celebra lo sviluppo di un nuovo motore. Per attacchi nucleari «contro gli imperialisti».

  • ...

Il dittatore nordcoreano Kim Jong-un.

Un nuovo motore per lanciare missili intercontinentali nucleari contro gli Stati Uniti. Il dittatore Kim Jong Un ha celebrato l'ultimo successo tecnologico militare della Corea del Nord a poche settimane dal rarissimo congresso del Partito dei Lavoratori di maggio. Il leader di Pyongyang, ha riferito l'agenzia ufficiale Kcna, ha osservato i test che spianano la strada a «un'altra forma di attacchi nucleari contro gli imperialisti Usa e altri nemici». L'esperimento, secondo la Kcna l'agenzia di stampa statale, si è tenuto al Sohae Space Center di Tongchang-ri, nel Nord Ovest del Paese, lo stesso sito dal quale è stato lanciato a febbraio il razzo - satellite.
GLI USA A PORTATA DI TIRO. Gli Usa continentali «sono a portata di tiro», ha riportato ancora la Kcna, riferendosi ai giudizi espressi da Kim sul test di cui non è però specificata la data. Il partito dei Lavoratori terrà a maggio il primo congresso degli ultimi 36 anni che, secondo gli osservatori, potrebbe essere l'occasione voluta dal leader per enfatizzare i successi raggiunti soprattutto nel campo militare a poco più di quattro anni dalla presa del potere.
SANZIONI ONU A MARZO. La Corea del Nord, da ultimo, ha effettuato il 6 gennaio il suo quarto test nucleare e il 7 febbraio il lancio di un nuovo razzo, oltre a diversi vettori a corta e media gittata avendo come poligono di tiro le acque del mar del Giappone. Il consiglio di Sicurezza dell'Onu, con il via libera della Cina, ha varato a marzo nuove sanzioni contro Pyongyang, alimentando un nuovo ciclo di aspre reazioni e minacce.
SISTEMA DI DIFESA USA A SEUL. Il 9 aprile il Pentagono americano ha fatto sapere che la Corea del Sud è pronta al dispiegamento del sistema di difesa missilistico Usa Thaad per combattere la minaccia dei missili nordcoreani: l'operazione «avverrà» nonostante l'opposizione cinese, ha assicurato iil numero uno delal Difesa statunitense Ash Carter parlando al Consiglio delle relazioni estere a New York. «È una cosa necessaria, tra noi e i sudcoreani. È parte della protezione delle nostre forze nella penisola coreana e della protezione della Corea del sud», ha spiegato Carter, precisando che «non ha nulla a che fare con i cinesi».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso