Naufragio 160418151241
DRAMMA 18 Aprile Apr 2016 1031 18 aprile 2016

Migranti, morti e dispersi nel Mediterraneo

Barcone si rovescia davanti all'Egitto. Centinaia a bordo, i morti sarebbero 200. Il Cairo: «Nessun corpo trovato».

  • ...

Un momento del tragico salvataggio dei migranti al largo di Lampedusa: 108 persone sono state portate in salvo dalla nave Aquarius dell'associazione Sos Mediterranee.

Nel giorno dell'anniversario della più grande strage dell'immigrazione mai avvenuta nel Mediterraneo - 800 disperati finiti nell'aprile 2015in fondo al mare del canale di Sicilia - un'altra tragedia scuote le coscienze di un'Europa che continua a dividersi e costruire muri: almeno 200 tra somali, eritrei ed etiopi sarebbero annegati al largo dell'Egitto tentando di raggiungere l'Italia.
Anche se sui numeri restano ancora molti dubbi. «Una fonte militare ha dichiarato che le squadre di ricerca e di salvataggio della Marina egiziana non hanno trovato alcun migrante o tracce di alcuna imbarcazione affondata nelle acque territoriali egiziane», scrive il 19 aprile il quotidiano filo-governativo Al-Akhbar. «La fonte ha affermato anche che non è stato ricevuto alcun Sos per imbarcazioni naufragate e ha smentito così che 200 migranti somali siano affogati davanti alle coste egiziane», si limita ad aggiungere il breve articolo senza fornire indicazioni temporali.
Informazioni da prendere con la dovuta cautela, considerato il livello di attendibilità cui ci ha abituato la stampa egiziana.
Una tragedia che fa dire al presidente della Repubblica Sergio Mattarella che «c'è veramente bisogno di pensare», mentre l'Osservatore romano ricorda la visita del papa a Lesbo e sottolinea: «Il dramma dei migranti non conosce fine».
CIRCOSTANZE DA CHIARIRE. Il naufragio, al di là delle notizie provenienti dal Cairo, resta però effettivamente ancora avvolto nel giallo, visto che da due giorni si sono rincorse diverse versioni e né alle autorità italiane né alla guardia costiera libica risulta nulla. A rilanciare per prima la notizia è stata la Bbc in arabo, citando media locali somali: secondo il network, quattro barconi partiti dall'Egitto con a bordo oltre 400 persone si sarebbero rovesciati e delle centinaia di migranti che erano a bordo solo una trentina si sarebbero salvati. Fonti egiziane sostengono però di «non avere al momento informazioni».
PER LA SOMALIA 200 VITTIME. Una versione diversa l'ha fornita il il ministero dell'Informazione somalo, correggendo i numeri della Bbc - che erano però stati confermati dal presidente, dal premier e dallo speaker del parlamento in un comunicato nel quale esprimevano condoglianze alle nazione - parlando appunto di «200 persone annegate», la maggior parte delle quali di nazionalità somala. Infine, un'ulteriore versione dell'accaduto emerge dalla testimonianza al sito somalo Goobjoog news di un uomo che sostiene di essere uno dei sopravvissuti al naufragio. «A bordo» - ha raccontato Awale Warsame - «eravamo circa 500 passeggeri, la maggior parte somali, ma solo 23 si sono salvati. I sopravvissuti, incluso me, sono rimasti in mare per cinque giorni, aggrappati a dei pezzi di legno del barcone per tenersi a galla prima di essere salvati».
CARICATI AD ALESSANDRIA. Secondo il suo racconto, i trafficanti avevano caricato i migranti sul barcone nei pressi di Alessandria d'Egitto il 7 aprile scorso. Il 12 si è verificato l'incidente. «Siamo stati salvati» - ha aggiunto Warsame - «da una nave filippina nei pressi di un'isola greca». In attesa di conferme ufficiali al naufragio, resta un dato incontrovertibile: la chiusura della rotta balcanica e l'accordo Ue-Turchia per bloccare le partenze verso le isole greche stanno facendo sì che le migliaia di disperati in fuga da guerre e fame si spostino verso il Nord Africa e il Mediterraneo centrale, con l'obiettivo di raggiungere l'Italia. Sono oltre 24 mila i migranti già sbarcati nel nostro Paese, il doppio dell'anno scorso, e i numeri delle ultime settimane dicono che sono in aumento le partenze da Libia, Egitto e anche Tunisia, come dimostra il gommone approdato a Sant'Antioco, in Sardegna, con 16 tunisini e algerini. Ma quella del Mediterraneo centrale resta la rotta più pericolosa, nonostante il dispositivo italiano ed europeo schierato al largo della Libia. E non è un caso che le Ong tornino a ribadire la necessità di aprire «canali sicuri legali» e «corridoi umanitari» per consentire ai richiedenti asilo di raggiungere l'Europa senza sfidare il mare.
SEI CADAVERI SU UN GOMMONE. Su quella rotta, infatti, si continua a morire, come dimostrano i sei cadaveri ritrovati a bordo di un gommone semisgonfio soccorso dalla nave Aquarius della Ong 'Sos Mediterranee. Dopo aver recuperato i vivi, 108 persone, si è tentato di trasferire a bordo le vittime ma il gommone si è piegato ed è affondato. Non è chiaro ancora se si tratti delle uniche vittime: i migranti hanno infatti parlato di 130-140 persone a bordo prima della partenza da Sabrata e inoltre altri due uomini, alla vista dei soccorritori, si sono gettati in acqua e sono affogati.

Correlati

Potresti esserti perso