GALLERY 25 Aprile Apr 2016 1709 25 aprile 2016

Juventus campione d'Italia, le foto della festa scudetto

La Vecchia Signora festeggia "in poltrona" dopo la vittoria per 1-0 della Roma sul Napoli. La gioia dei tifosi in strada e sui social network. Buffon: «Questo è lo scudetto più bello». Foto.

  • ...

Ottantacinque punti e scudetto con tre giornate d'anticipo, il quinto consecutivo come negli Anni 30. La Juventus è campione d'Italia e batte un nuovo record. Nessuna squadra era infatti mai riuscita a conquistare il titolo partendo dal 12esimo posto, con appena 12 punti raccolti nelle prime 10 giornate di campionato (le foto della festa).

Un successo tale che persino il premier (e tifoso viola) Matteo Renzi ha dovuto chinare sportivamente il capo.

CAVALCATA ROSSINIANA. La stagione bianconera è stata un crescendo rossiniano, una lunga cavalcata che ha portato alla vittoria con una rimonta irresistibile e 16 successi uno dopo l'altro, il sorpasso sul Napoli nel confronto diretto e infine l'allungo perentorio, con il primo posto ottenuto per distacco.
ALLEGRI: «ANCORA PIÙ ORGOGLIOSO». La Vecchia Signora può quindi concedersi il lusso di festeggiare 'in poltrona', a Vinovo, negli spogliatoi dello Juventus Center. Ma mister Allegri ha già sottolineato che la fatica c'è stata eccome: «Dico sempre che si cresce solo attraverso le difficoltà. Riguardo il nostro percorso, sono ancora più orgoglioso!». L'allenatore bianconero ha ricordato su Twitter il post che aveva pubblicato il 23 agosto, con la Juventus in difficoltà: «La serie A», scriveva Allegri all'epoca, «non è la finale dei 100 metri ma una maratona: serve pazienza per trovare il ritmo giusto». Un discorso rimasto valido fino all'ultimo respiro, compreso il match del 24 aprile che la Juventus ha vinto per 2-1 in casa della Fiorentina grazie a uno strepitoso Gigi Buffon, che ha salvato due volte il risultato parando il rigore del possibile pareggio e la successiva respinta.

LA FESTA IN STRADA E IN RETE. Per i tifosi juventini è il momento di scendere in strada con le bandiere e anche sui social network la gioia è grande. C'è spazio pure per qualche sfottò, sotto forma di gif animata, a danno dei tifosi partenopei. Il Napoli, con la sconfitta per 1-0 in casa della Roma, non solo vede matematicamente sfumare il sogno-scudetto, ma dovrà lottare per tenersi stretto il secondo posto. A inseguire i biancazzurri sono proprio i giallorossi, staccati ormai soltanto di due lunghezze. Un altro verdetto riguarda il Verona. Il Carpi ha infatti battuto l'Empoli 1-0 nel posticipo e la vittoria degli emiliani condanna alla retrocessione gli scaligeri, fermi a 25 punti e a -10 dalla quart'ultima, cioè dallo stesso Carpi.

I COMPLIMENTI DI ANDREA PIRLO. L'impresa della Juventus ha entusiasmato anche una storica bandiera della squadra torinese, il fantasista ed ex regista bianconero Andrea Pirlo, oggi centrocampista del New York City.

BUFFON: «RIPARTIREMO DA QUI». La firma sullo scudetto del capitano Gigi Buffon, in gran forma a dispetto dei suoi 38 anni, non poteva mancare: «Ad agosto ricomincerà un'altra stagione e noi ripartiremo con la certezza di sapere di valere. Quando fai una partita alla pari con una squadra come il Bayern Monaco significa che ormai sei arrivato a un livello veramente importante. E questa, al di là della sconfitta bruciante, è una risposta che abbiamo avuto da quella gara», ha detto Buffon. «Ci ha trasmesso tanta fiducia e tanta consapevolezza, perché poi il calcio non si ferma a quella partita lì e non si ferma ora a giugno». La testa, insomma, è già rivolta al futuro.
UNO SCUDETTO «EPOCALE». I bianconeri hanno ancora tre partite di campionato e soprattutto la finale di Coppa Italia contro il Milan, che si giocherà il 21 maggio. «Pensiamo al Carpi», ha scherzato Buffon, «no dai, due o tre giorni festeggiamo, almeno quello! Il primo scudetto è quello che fa godere di più, ma questo è stato senz'altro il più bello. È stato epocale, lo abbiamo conquistato con valori che vanno oltre la tecnica. Mi auguro che possa diventare ordinaria amministrazione».

Correlati

Potresti esserti perso