Berton 160427142857
TERRORISMO 27 Aprile Apr 2016 1430 27 aprile 2016

Chi è Frank Berton, l'avvocato francese di Salah Abdeslam

Il legale che difenderà il terrorista dopo l'estradizione è noto per essere un 'animale da palcoscenico'. Amante delle cause difficili, in carriera si è occupato di infanticidi, omicidi e trafficanti.

  • ...

Frank Berton, il nuovo legale di Salah Abdeslam.

Salah Abdeslam, l'unico terrorista in vita del commando che ha attaccato Parigi il 13 novembre è stato estradato dal Belgio e consegnato alla Francia.
Abdeslam era stato arrestato a Bruxelles il 18 marzo, quattro giorni prima degli attentati nella capitale belga. Il trasferimento è avvenuto in nottata a bordo di un elicottero militare francese, nell'assoluto riserbo per assicurare la massima sicurezza.
Salah Abdeslam «vuole spiegarsi al più presto davanti alla giustizia francese», ha detto il nuovo avvocato francese del terrorista, Frank Berton, in un'intervista a La Voix du Nord. «Ciò che conta - aggiunge Berton - è che abbia diritto a un processo equo, che venga condannato per le cose che ha fatto, non per quelle che non ha fatto».
L''ANIMALE DA PALCOSCENICO'. Berton è noto in Francia per aver partecipato a numerosi processi ad alto interesse mediatico, e si è fatto negli anni la fama da “animale da palcoscenico” per le sue doti oratorie e la sua abilità nel foro.
Dopo aver incontrato Abdeslam e il suo avvocato Sven Marty in Belgio il 22 aprile, Berton ha deciso di prendere in mano il caso.
L'EX AVVOCATO: «SALAH È UN IMBECILLE». Appena lasciato in consegna il suo cliente, Marty si è sfogato con i media, dichiarando che Abdeslam «è un imbecille, ma collabora. È un povero coglione che viene dalla piccola delinquenza, uno che segue, non certo un capopopolo. Ha l'intelligenza di un posacenere vuoto».
«Ho trovato un giovane abbattuto», ha dichiarato invece Berton a Le Monde, «che ha dimostrato una sincera volontà di spiegare il suo percorso di radicalizzazione, i fatti del 13 novembre e i giorni che l'hanno preceduto. Abbiamo la possibilità di scrivere una pagina della giustizia, perlomeno per le vittime».
E dove c'è la storia, Berton vuole esserci.
L'AMORE PER LE CAUSE PIÙ DIFFICILI. Dal suo studio di Lille ha difeso i soggetti più disparati, sempre con l'ambizione di «rendersi utile alle persone nei guai» e di «affrontare le istituzioni».
I processi più noti a cui ha partecipato riguardano abusi sessuali su minori, rapimenti, infanticidi, omicidi e molti altri tipi di reati. Quasi sempre dalla parte più difficile da sostenere.

L'avvocato penalista Frank Berton (GettyImages).


Il caso Florence Cassez gli ha portato la fama di “avvocato dei francesi all'estero”: da Marrakesh al Mali, da Lima al Madagascar, Berton si è specializzato nella difesa dei sui concittadini in giro per il mondo, spesso invischiati in processi molto delicati.
«PASSIONE PER LA NATURA UMANA». Come lo descriveva il magazine L'Observateur nel luglio 2015, di Berton «è proprio la debolezza che nutre verso l'altro a fare la forza di questo penalista. La moglie Bérangère Lecaille spiega che “ha una passione per la natura umana, passa il suo tempo a cercare di comprendere il perché e il come dei comportamenti delle persone.”»
Nato ad Amiens nel 1963, è il più vecchio di tre fratelli, nati da una madre segretaria della sezione locale del partito comunista e da un padre che lo picchiava.
LA «PERCEZIONE ANIMALE DEGLI ALTRI». Durante la sua vita Berton si è battuto a cuore aperto, e dopo un'infanzia difficile e un'adolescenza vissuta chiuso in se stesso ha trovato uno sbocco nella professione, diventando quella “bestia da palcoscenico”, come lo chiamano i colleghi, che «ha una percezione animale degli altri uomini».
Ora che deve affrontare un caso senza precedenti come quello di Abdeslam, Berton dovrà impiegare tutta la sua conoscenza degli uomini per scoprire se il terrorista è «l'esempio perfetto della generazione Gta (Grand Theft Auto) che pensa di vivere in un videogioco», come l'ha descritto il legale belga Marty, o se dentro l'attentatore di Parigi ci sia qualcosa di più che valga la pena indagare.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso