Colosseo 160609211531
PRECISAZIONE 9 Giugno Giu 2016 1815 09 giugno 2016

Fendi-Roma Pride, chiarito l'equivoco sul Colosseo quadrato

Pace fatta e autorizzazione concessa dopo la polemica per l'utilizzo dell'immagine nella campagna di lancio della parata Lgbtqi dell'11 giugno.

  • ...

Pace fatta tra Fendi e Roma Pride dopo la querelle legata all'utilizzo dell'immagine del Colosseo quadrato.
In un primo momento la maison aveva chiesto il ritiro delle immagini della campagna pubblicitaria 'Chi non si accontenta lotta', lanciata per promuovere la parata del prossimo 11 giugno. A denunciarlo, in una nota, era stato il presidente del Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli, Mario Colamarino.
USO DELL' IMMAGINE AUTORIZZATO. Qualche ora più tardi è arrivato il chiarimento tra le parti, con Fendi cha ha autorizzato l’utilizzo dell'immagine del Palazzo della Civiltà italiana, sostenendo, quindi, la manifestazione del Roma Pride 2016 in programma dal 3 al 12 giugno.
«NESSUNA DISCRIMINAZIONE». «Da sempre per Fendi», recita una nota congiunta, «la valorizzazione delle diversità professionali, culturali e di genere è parte integrante della cultura della società, la quale in nessuna attività, interna o esterna, discrimina in base all’orientamento sessuale, identità di genere, razza, colore, sesso, religione, opinioni politiche, nazionalità, origini sociali, etnia, invalidità, età, stato civile o altra condizione personale. L’ambizione e la volontà di Fendi sono sempre state quelle di creare team di lavoro eterogenei che riflettano e rispettino le diversità, ritenendole un’importante fonte di arricchimento culturale». Il Roma Pride e il Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli, da parte loro, «sono lieti di constatare l’impegno di Fendi con tutta la comunità Lgbtqi e la rinnovata collaborazione che ha unito Fendi e il Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli fin dagli Anni 90.

Correlati

Potresti esserti perso