TRADIZIONI 22 Giugno Giu 2016 1712 22 giugno 2016

Cina, mille cani salvati dal macello del festival di Yulin

Gli animali erano pronti per essere uccisi e mangiati nella macabra festa. Un team di volontari è riuscito a liberarli. Foto.

  • ...

A Yulin, in Cina, ogni anno a partire dal 2010 si svolge il festival della carne canina.
Due volontarie britanniche hanno deciso di opporsi al massacro, e sono riuscite a salvare mille cani dal macello all'ultimo minuto. Le ragazze, soprannominate 'angeli di Yulin', hanno portato gli animali al sicuro (guarda le foto).
DIECIMILA CANI UCCISI. Le cifre parlano della mattanza di circa 10 mila cani, per un evento la cui origine è fatta risalire a quattro secoli fa, secondo i suoi sostenitori, che puntano sul valore del patrimonio culturale, non diverso dal consumo di qualsiasi altro tipo carne, dal maiale ai polli e al manzo.
MILIONI DI FIRME DA TUTTO IL MONDO. Tuttavia, il fronte di coloro che rimarcano la crudeltà del festival, amplificata da pratiche 'poco ortodosse' ha portato ad esempio la Human Society International a consegnare 11 milioni di firme alle autorità cinesi al fine di chiudere 'un'esperienza drammatica'.
IMBARAZZO DI PECHINO. L'aumento della pressione e dell'imbarazzo su Pechino è poi confermata dal fatto che il Global Times, costola del Quotidiano del Popolo, organo ufficiale del Partito comunista, ha rimarcato in settimana che «mangiare carne di cane non è mai stata in Cina una tradizione popolare» e che la festa di Yulin va considerata come «un caso singolo».
I suoi abitanti, in base ai contenuti dell'editoriale, «devono considerare le conseguenze di questo evento controverso» anche se lo stop «con l'uso della forza, sarebbe una violazione dei diritti umani».

Correlati

Potresti esserti perso