Lionel Messi 160627084534
CALCIO 6 Luglio Lug 2016 1242 06 luglio 2016

Evasione fiscale, Messi condannato a 21 mesi

Insieme a suo padre. La pena non comporta l'ingresso in carcere, perché è inferiore a 24 mesi.

  • ...

Lionel Messi.

L'attaccante del Barcellona Lionel Messi è stato condannato, insieme a suo padre Jorge Horacio, a una pena di 21 mesi per evasione fiscale.
Il tribunale catalano li ha giudicati entrambi colpevoli di una frode da 4,1 milioni di euro, commessa nel 2007, 2008 e 2009.
I due erano accusati di non aver pagato le imposte sugli introiti ricavati dai diritti d'immagine del calciatore.
In linea di principio, scrive la stampa spagnola, la condanna non comporta la reclusione in carcere, perché è inferiore a 24 mesi.
L'ACCUSA AVEVA CHIESTO L'ASSOLUZIONE. L'accusa aveva chiesto l'assoluzione del giocatore, sostenendo che Messi si sarebbe limitato a eseguire le istruzioni del padre.
In particolare, secondo quanto riportano i media spagnoli, Messi è stato condannato a sette mesi di reclusione per ciascuno dei tre reati, più il pagamento di una multa di 532,313.31 euro per la frode nel 2007, di 792,300.54 per il 2008 e 768,387.70 per il 2009.
AVEVA GIÀ PAGATO IL DEBITO. L'avvocato dello Stato aveva chiesto 22 mesi e 15 giorni di carcere per entrambi. Da parte sua, l'accusa aveva chiesto un anno e mezzo solo per il padre, che è considerato il creatore delle società utilizzate per aggirare il fisco.
Il giocatore del Barcellona, che ha restituito l'importo frodato prima del processo e pagato una multa, aveva imputato al padre-manager la responsabilità della gestione economica dei suoi beni. Contro la sentenza, notifciata il 6 luglio, Messi e il genitore possono ricorrere davanti alla Corte Suprema.

Correlati

Potresti esserti perso