De Mauro
5 Gennaio Gen 2017 1224 05 gennaio 2017

Tullio De Mauro, il linguista è morto all'età di 84 anni

È stato ministro della Pubblica istruzione dal 2000 al 2001. Ha fondato la facoltà di Scienze Umanistiche dell'Università La Sapienza di Roma e ha tradotto il Corso di linguistica generale di Ferdinand de Saussure.

  • ...

È morto Tullio De Mauro, uno dei più importanti linguisti della storia italiana. Docente universitario, autore del Grande dizionario italiano dell’uso e della Storia linguistica dell’Italia unita, aveva 84 anni. È stato ministro della Pubblica istruzione dal 2000 al 2001, con il governo Amato.

Originario di Torre Annunziata in provincia di Napoli, Tullio De Mauro era fratello minore di Mauro De Mauro, il giornalista de l'Ora di Palermo rapito e ucciso dalla mafia nel settembre 1970, e padre di Giovanni De Mauro, direttore della rivista Internazionale. Nel corso della sua lunga carriera ha tradotto in italiano il Corso di linguistica generale di Ferdinand de Saussure, considerato il capostipite della linguistica moderna. Assieme ad Alberto Asor Rosa ha fondato la facoltà di Scienze Umanistiche dell'Università la Sapienza di Roma.

Tullio De Mauro era anche presidente della fondazione Bellonci, che organizza il premio Strega, il più importante riconoscimento letterario italiano. Ha curato il DAIC. Dizionario avanzato dell'italiano corrente, il Dizionario della lingua italiana, il Dizionario etimologico (con M. Mancini) e il Dizionario delle parole straniere nella lingua italiana (con M. Mancini). Ha lavorato intensamente anche come giornalista pubblicistica, collaborando con Il Mondo e L'Espresso, e poi con la stessa Internazionale (l'archivio dei suoi contributi è disponibile qui).

Il premier Paolo Gentiloni ha voluto ricordare con un tweet la sua figura di «maestro appassionato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso