Vaticano
11 Gennaio Gen 2017 2011 11 gennaio 2017

Vaticano, le ombre del cyber spionaggio sulla Santa Sede

Nell'inchiesta sui fratelli Occhionero spuntano anche i pc legati a personalità del Vaticano, come il cardinale Gianfranco Ravasi e dei computer della struttura 'Casa Bonus Pastor'.

  • ...

L'inchiesta sul cyber spionaggio arriva anche in Vaticano. Fonti investigative hanno fatto sapere che autorità vaticane stanno «facendo accertamenti» dopo che nell'inchiesta è spuntato il nome di del cardinale Gianfranco Ravasi. In particolare pare che due pc usati da alcuni collaboratori del porporato siano stati violati dai fratelli Giulio e Francesca Maria Occhionero.

I COMPUTER VIOLATI FORSE FUORI DAL VATICANO. A confermare l'indagine anche Greg Burke il portavoce della Santa Sede. Burke ha spiegato però che i computer violati potrebbero anche non essere del Vaticano, dal momento che il Pontificio Consiglio della Cultura, di cui il card. Ravasi è presidente «ha moltissime persone che collaborano in diversi gradi e che non sono del Vaticano».

MOBILITATO IL TEAM DI VATILEAKS 2. Diverso invece il destino dei computer della 'Casa Bonus Pastor', una struttura alberghiera di proprietà del Vicariato e situata lungo la Via Aurelia e che spesso ospita i prelati. In questo senso sarebbe già invenuta la divisione della Gendarmeria vaticana che si occupa dei reati informatici e che segui l'inchiesta 'Vatileaks 2' che coinvolse monsignor Lucio Vallejo Balda e sui suoi computer e la conseguente fuga di notizie.

NESSUNA COLLABORAZIONE CON LE AUTORITÀ ITALIANE. La decisione di avviare un'inchiesta autonoma è arrivata senza che sia arrivata alcun tipo di informativa dagli inquirenti italiani. Ci si aspetta però novità già nei prossimi giorni dato che sono comunque coinvolti vertici istituzionali di un altro Stato: il card. Ravasi è in sostanza il 'ministro della Cultura' della Santa Sede. In attesa di nuovi sviluppi restano gli interrogativi. Per qualche motivo si controllavano le mail di un prelato come Ravasi? E per qualche motivo venivano spiati i computer del 'Bonus Pastor'.

Correlati

Potresti esserti perso