Musei Vaticani Interno E1455983849690
29 Maggio Mag 2017 1535 29 maggio 2017

Manovra, via libera alla norma salva direttori dei musei

Passa l'emendamento che mira a superare gli intoppi emersi dalla sentenza del Tar. Il ministro Franceschini: «Introdotta norma per dare certezze». Ma il provvedimento non riguarderà il procedimento in corso.

  • ...

La norma che salva i direttori stranieri dei musei ha trovato il suo posto nella manovra. L'emendamento del relatore è stato approvato in commissione Bilancio alla Camera, prevede che «nella procedura di selezione pubblica internazionale» non si applichino i limiti previsti per il lavoro alle dipendenze della P.a, che impediscono ai cittadini Ue di accedere a posti che implichino «esercizio diretto o indiretto dei poteri ovvero non attengono alla tutela dell'interesse nazionale».

FRANCESCHINI: «NORMA PER DARE CERTEZZE». «È utile introdurre una norma interpretativa con cui diamo una garanzia anche per il futuro» per «dare certezze». Così il ministro dei beni culturali, Dario Franceschini, intervenendo in commissione ha parlato della norma che mira a superare la sentenza del Tar che ha annullato la nomina di 5 direttori di musei. «Il percorso di giustizia amministrativa seguirà il suo iter, questa è una norma interpretativa che fa chiarezza e toglie ogni dubbio» ha spiegato.

NESSUN INTERVENTO SUL PROCEDIMENTO DEL TAR. Il ministro ha voluto anche precisare che l'emendamento non inciderà sulla vicenda giudiziaria perché «segue il suo percorso. L'avvocatura dello Stato ha impugnato la sentenza del Tar, vedremo cosa deciderà il Consiglio di Stato». Franceschini ha anche ricordato che la sentenza del Tar riguarda solo un direttore straniero, mentre gli altri 4 direttori coinvolti sono italiani. «Questa norma non incide su 4 di quelle posizioni», ha chiarito.

ANNUNCIO SULL'ECONOMIST PER IL COLOSSEO. L'obiettivo è quindi quello di dare «garanzia anche per il futuro. Ora sull'Economist per esempio - ha precisato - è aperta la selezione per direttore parco archeologico del Colosseo». Quello dei musei, ha insistito, è un settore in cui «deve valere il curriculum e non la nazionalità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati