MNB S Request Manager
8 Luglio Lug 2017 0821 08 luglio 2017

Palazzina crollata a Torre Annunziata, recuperate le otto vittime

Tra i corpi individuati sotto le macerie anche quelli di due bambini. Le ultime operazione concluse a oltre 24 ore dal drammatico incidente. Si indaga sulle cause.

  • ...

Sono stati recuperati tutti i corpi delle otto vittime rimaste intrappolate sotto le macerie della palazzina di quattro piani crollata a Torre Annunziata, in provincia di Napoli, all'alba del 7 luglio. Le salme delle ultime due vittime sono state rintracciate a oltre 24 ore di distanza dal drammatico incidente. Tra i corpi recuperati anche quelli di due bambini.

MESSA IN SCIUREZZA DELL'EDIFICIO. Tutte le salme sono state portate nell'obitorio di Castellammare di Stabia. Le operazioni di scavo sono state momentaneamente sospese e l'area recintata. I vigili del fuoco si preoccuperanno a questo punto della messa in sicurezza dell'area che è sottoposta a sequestro per disposizione dell'autorità giudiziaria che ha aperto un fascicolo d'inchiesta per disastro e crollo colposo e omicidio colposo plurimo.

NESSUNO SCOPPIO. Nessuno scoppio è stato udito al momento della tragedia, soltanto il rumore del palazzo che cadeva, hanno raccontato alcuni testimoni. Secondo alcune persone che si trovavano sul posto sembra che nel palazzo si stessero svolgendo dei lavori di ristrutturazione. «Ho sentito il rumore del palazzo che crollava», ha raccontato una persona che abita a ridosso dell'edificio, aggiungendo: «Qui sotto passano i treni merci e qualcuno mi ha detto di aver sentito che poco prima del crollo ne era passato uno».

A scavare sui resti dell'ala della palazzina caduta (coinvolti terzo e quarto piano) una settantina di persone.

PRIMO E SECONDO PIANO DISABITATI. «A me risultano due famiglie disperse» - aveva confermato subito dopo il crollo il primo sindaco di Torre Annunziata, Vincenzo Ascione - «una composta da genitori e due bambini, un'altra da tre persone adulte. In totale sette persone, anche se è difficile per ora dare notizie ufficiali sul numero dei dispersi. I primi due piani erano disabitati e interessati da lavori di ristrutturazione. Dove risiedevano le famiglie dei dispersi erano il terzo e quarto. Connessione tra i lavori e il crollo? Non possiamo dirlo».

Ascione ha anche confermato che non c'erano ordinanze di sgombero per la palazzina: «Erano state presentate solo due Dia per lavori di manutenzione». «Certo» - ha aggiunto il sindaco - «era un palazzo messo male. Mi dispiace che un tecnico del Comune non abbia potuto accorgersi della situazione perché qualche segnale avrebbe dovuto esserci».

SI INDAGA PER OMICIDIO COLPOSO. La procura di Torre Annunziata, intanto, ha aperto un fascicolo per crollo colposo. Sul posto dove si è verificato il crollo si sono recati il procuratore aggiunto Pierpaolo Filippelli e il sostituto Andreana Ambrosino, mentre sono stati acquisiti dall'Ufficio tecnico del Comune i primi documenti relativi all'immobile e ai lavori che stavano interessando i piani inferiori dell'edificio. Non risultano al momento persone indagate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso