Boettcher
SCHEDA 13 Luglio Lug 2017 1900 13 luglio 2017

Coppia dell'acido, il caso in punti

La Corte d'appello di Milano ha confermato la condanna a 23 anni di carcere per Alexander Boettcher, il 32enne imputato per una serie di aggressioni con l'acido. Le cose da sapere.

  • ...

La Corte d'appello di Milano ha confermato la condanna a 23 anni di carcere per Alexander Boettcher, il 32enne imputato per una serie di aggressioni con l'acido. I giudici hanno anche deciso la trasmissione in Procura di un verbale dell'ex amante di Martina Levato per un eventuale nuova inchiesta a carico del giovane per concorso nel tentativo di evirazione di Antonio Margarito. Boettcher era stato condannato sempre a 23 anni nel processo di primo grado il 30 marzo 2016 scorso.

AVEVANO UN COMPLICE. Boettcher, broker di origine tedesca, ha compiuto gli atti con l'amante Martina Levato e un altro complice, Andrea Magnani. Una vicenda che si è compiuta con atti diversi. Ecco il caso spiegato in punti.

1. Per Boettcher è la terza condanna

La condanna in appello è la terza condanna per Alexander Boettcher, e riguarda le accuse di associazione a delinquere e gli episodi legati all'aggressione con l'acido a Stefano Savi (avvenuta il 2 novembre 2014, secondo l'accusa per sbaglio) e dell’agguato fallito a Giuliano Carparelli (15 novembre 2014).

LA PRIMA A 14 ANNI. Oltre al processo di primo grado Boettcher era già stato condannato con rito abbreviato, in primo grado e insieme con Martina Levato, per l’attacco del 28 dicembre contro Pietro Barbini.

2. Per l'accusa è uno psicopatico sadico

Uno «psicopatico che si crede dio». Così il pm Marcello Musso ha descritto Alexander Boettcher, leader, a suo dire, della «banda dell'acido». Un ritratto a cui hanno contribuito i video mostrati in aula nei quali l'uomo era impegnato a sgozzare galline a mani nude e far bere la sua urina a Martina Levato.

ACCUSATO ANCHE DALLA RAGAZZA. La giovane ha sempre difeso Boettcher, fino al 18 marzo, quando ha consegnato una sua memoria alla procura milanese, dipingendo per la prima volta Boettcher come un uomo ossessivo e oppressivo. In sei pagine, Levato ha indicato il broker come la «regia» dei blitz e ha raccontato le «pratiche di dominazione» di quell'uomo che voleva «che io perdessi un braccio, una gamba, perché io non fossi più desiderabile agli occhi degli altri». Prima di proporle di «purificarsi» andando a sfigurare i ragazzi con cui lo aveva tradito.

3. La difesa: «Uno sciocco disturbato»

Diversa la versione della difesa di Boettcher, che ha dipinto il ragazzo come «uno sciocco» con «una personalità disturbata», affermando che però non c’è «in nessun caso la prova incontrovertibile della partecipazione ad un’associazione a delinquere».

4. Le vittime: gli ex di Martina

Le vittime non sono casuali. Se l'aggressione a Savi pare sia il frutto di un errore, quelle a Barbini e Carparelli (la seconda fallita) sono in realtà mirate a colpire due ex di Martina Levato. Barbini avrebbe pagato una relazione con la ragazza risalendo al liceo, venendo colpito con l'acido ed evitando un'ulteriore aggressione col martello da parte di Boettcher.

MARGARITO SCAMPATO ALL'EVIRAZIONE. Sarebbe stato lo stesso broker italo-tedesco a chiedere a Martina Levato di evirare Antonio Margarito, ex collega alla Bocconi della ragazza. I due si sarebbero appartati e quindi lei avrebbe cercato di colpirlo ai genitali con un coltello, non riuscendo nell'intento.

5. Un figlio che potrebbero non vedere mai

Il 15 agosto 2015 Martina Levato ha dato alla luce un bambino, figlio suo e di Boettcher. Il destino del piccolo, a lungo al centro di un dibattito pubblico, dipenderà dal tribunale per i minorenni, che potrebbe togliere la custodia alla madre e darlo in affido o adozione.

6. Risarcimento danni

Il collegio di giudici, presieduto da Elena Bernante, oltre a condannare Alexander Boettcher a 23 anni di carcere per la serie di aggressioni con l'acido, ha disposto che il broker versi come provvisionale di risarcimento 1,2 milioni di euro a Stefano Savi, il giovane che venne sfigurato il 2 novembre del 2014.

7. Boettcher rischia fino a 37 anni

«Spero che non esca più di cella», è il desiderio espresso da Stefano Savi dopo la condanna a 23 anni di Boettcher. Così non sarà, ma considerando le due pene attribuitegli, il broker potrebbe spendere buona parte della sua vita in carcere.

NESSUNA SOMMA. I 14 anni del primo procedimento non dovrebbero essere sommati ai 23 del secondo, ma si dovrebbe avere l'unione dei due casi per continuazione. Il giudice partirebbe dalla più grave e potrebbe aumentarla fino al triplo, ma senza superare la somma aritmetica delle pene inflitte. In questo caso, e salvo le possibili modifiche delle pene in Appello o Cassazione, non si dovrebbero eccedere i 37 anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso