Omicidio Vincenzo Ruggiero Kf AI U110038507335311n E 1024X576@La Stampa
ORRORE
31 Luglio Lug 2017 1038 31 luglio 2017

Ucciso per gelosia, il cadavere fatto a pezzi e cosparso d'acido

Il corpo di Vincenzo Ruggiero decapitato e murato all'interno di un garage. L’omicidio in un raptus per una presunta relazione con una trans.

  • ...

È stato fatto a pezzi e cosparso di acido il corpo di Vincenzo Ruggiero, l'attivista gay ucciso lo scorso 7 luglio nel Casertano, a cui al momento è attribuito il cadavere trovato dai carabinieri di Aversa in una sorta di garage adibito ad autolavaggio nel quartiere Ponticelli di Napoli.

Reo confesso dell'assassinio, per gelosia, è Ciro Guarente, fermato lo scorso 29 luglio con l'accusa di omicidio premeditato e occultamento di cadavere. Ruggiero è stato ucciso e poi sezionato (come riferiscono organi di stampa): separata la testa e gli arti per essere poi seppellito più agevolmente. Particolari cruenti che aggravano la posizione dell'assassino il quale aveva anche detto agli inquirenti che il cadavere era stato gettato in mare. Sul luogo del ritrovamento sono giunti anche i parenti di Ruggiero che però non sarebbero stati fatti avvicinare al cadavere, trovato sotto un pavimento del locale in un punto leggermente rialzato, di recente fattura.

Ad avvalorare l'ipotesi che il cadavere appartenga a Vincenzo Ruggiero sono alcuni importanti indizi: la madre di Ciro Guarente, che ha confessato di essere l'autore dell'omicidio, abita a 50 metri dal garage dove è stato trovato il corpo; alcuni testimoni hanno ricordato di averlo visto più volte due giorni dopo l'omicidio entrare e uscire dal garage; infine, il segnale del cellulare di Guarente la sera del 7 luglio, giorno dell'omicidio, porta verso il quartiere Ponticelli di Napoli e non a Licola dove il giovane aveva riferito di essersi liberato del cadavere. Gli inquirenti della Procura della Repubblica di Napoli Nord, ora nutrono forti dubbi anche sulle modalità dell'omicidio che, secondo il racconto dell'assassino reo confesso, sarebbe avvenuto accidentalmente, durante una lite, nell'abitazione dove Ruggiero viveva con la trans contesa Heven Grimaldi. Sarà comunque l'autopsia a fare definitivamente luce sull'identità del cadavere trovato a Ponticelli. Intanto oggi, Ciro Guarente, sarà ascoltato dal gip di Napoli Nord, in occasione dell'interrogatorio per la convalida del fermo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso