Dgiq5dq XUAA Zz
Aeroporti Milano 1 Agosto Ago 2017 1029 01 agosto 2017

Linate e Malpensa, assemblea spontanea degli addetti ai bagagli

Voli in ritardo anche di 45 minuti e code al check-in. La situazione sta tornando lentamente alla normalità. I lavoratori contrari all'ingresso della cooperativa Alpina.

  • ...

Voli in ritardo e disagi per i passeggeri negli aeroporti milanesi di Linate e Malpensa. La causa è un'assemblea generale spontanea, iniziata alle 5 del mattino, di tutti i lavoratori delle società che si occupano dei servizi a terra nei due scali.

I MOTIVI DELL'AGITAZIONE. L’agitazione sarebbe stata provocata dalla mancata risposta delle istituzioni dopo l’incontro svoltosi il 31 luglio in prefettura a Varese, dove si è discusso della cooperativa Alpina, che dovrebbe iniziare a lavorare in subappalto nei servizi "di rampa" (carico e scarico aeromobili), gli unici dove le coop non sono ancora entrate. L'ingresso della cooperativa viene contestato dai sindacati, perché considerato portatore di lavoro non qualificato e precario.

A Linate l'assemblea è terminata alle 7 e l’operatività è tornata lentamente alla normalità. dalle 6.30 alle 9 sono decollati 20 voli. Dalle 7 i ritardi si sono ridotti e i bagagli sono stati consegnati regolarmente.

A Malpensa, invece, l'assemblea è andata avanti per 5 ore e si è conclusa intorno alle 10. Dalle 6.30 sono decollati 42 voli, con ritardi anche di 45 minuti, nell'imbarco e nella consegna dei bagagli.

COOPERATIVA ALPINA VERSO LA SOSPENSIONE. Intanto, però, secondo fonti sindacali della Fit Cisl Lombardia, l'agitazione ha raggiunto il suo scopo. L'Enac avrebbe infatti sospeso l'autorizzazione all'ingresso della cooperativa Alpina nello scalo di Malpensa. «Enac ci ha appena comunicato che entro la mattinata sarà emanato il provvedimento di sospensione», ha detto il segretario regionale Alfredo Rosalba. L'ingresso di Alpina, secondo il sindacalista, «non ha alcun senso visto che siamo in attesa dell'uscita del bando di gara per la riduzione degli handler a Malpensa e si attende anche il pronunciamento del Tar sul ricorso presentato da Sea contro l'autorizzazione del subappalto».

LA CGIL: «NESSUN VOLO CANCELLATO». La notizia è stata confermata da Angelo Piccirillo, della segreteria Filt Cgil Lombardia: l'Enac ha imposto ad Alpina il rinvio del suo ingresso all'aeroporto di Malpensa, sospendendolo per un mese, ovvero fino al 1° settembre. «Siamo sensibili ai disagi dei passeggeri», ha detto ancora Piccirillo, «ma nessun volo è stato cancellato». Il sindacalista ha spiegato che da tempo fra i lavoratori montava la preoccupazione: «Il prefetto di Varese ha chiesto ad Alpina di rimandare l'ingresso di un mese. Loro hanno detto no e nel momento in cui Alpina non ha ascoltato il prefetto, i lavoratori non hanno ascoltato nessuno».

IL GARANTE PENSA A DELLE SANZIONI. Il Presidente dell'Autorità di garanzia per gli scioperi, Giuseppe Santoro Passarelli, ha chiesto informazioni urgenti alle società AGS Handling, Alpina, Enac e ai Prefetti di Milano e Varese, sull'agitazione negli scali. In particolare, il Garante - è scritto in una nota - intende accertare l'accaduto, al fine di valutare profili sanzionatori di propria competenza, se l'agitazione sia stata o meno ritualmente proclamata, se sia riferibile ad una organizzazione collettiva di lavoratori ovvero ad iniziative di singoli e il numero dei voli in ritardo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso