Tettamanzi Funerali Martini 120903193930
5 Agosto Ago 2017 1142 05 agosto 2017

Il cardinale Dionigi Tettamanzi è morto

Il religioso, malato da tempo, si è spento all'età di 83 anni. Le sue condizioni si erano aggravate nella giornata di venerdì 4 agosto.

  • ...

È morto intorno alle 10.30 di sabato 5 agosto 2017, all'età di 83 anni e dopo una lunga malattia, il cardinale Dionigi Tettamanzi. Il religioso si è spento nella Villa Sacro Cuore a Triuggio, in Brianza, dove si era ritirato dopo la fine del mandato. Nato a Renate il 14 marzo 1934, era stato arcivescovo di Milano dal 2002 al 2011.

  • Il cardinale Tettamanzi in un'intervista del 2012.

Nella giornata di venerdì 4 agosto il cardinale Angelo Scola, insieme al neo eletto arcivescovo di Milano monsignor Mario Delpini, avevano diffuso una nota congiunta per spiegare che le condizioni di Tettamanzi si erano «particolarmente aggravate». I due religiosi si erano poi rivolti ai fedeli della comunità diocesana presieduta dall'83enne cardinale per pregare per lui.

Entrato a 11 anni in Seminario nell'arcidiocesi di Milano, venne ordinato sacerdote dall'allora arcivescovo di Milano Giovanni Battista Montini, futuro Paolo VI, il 28 giugno 1957. E proprio nella struttura ecclesiastica Tettamanzi deciderà di restare per molti anni, iniziando anche una proficua collaborazione con Giovanni Paolo II con il quale redasse alcuni testi di magistero.

L'INIZIO DELLA 'CARRIERA' NELLA CHIESA. Nel 1987 venne nominato rettore del Pontificio Seminario Lombardo a Roma, collaborando anche attivamente alla Conferenza episcopale italiana, di cui venne nominato segretatio dal 1991 al 1995.

GLI ANNI DI ARCIVESCOVADO. Dal 1989 al 2011 è stato arcivescovo di diverse arcidiocesi: Ancona-Osimo (1989-1991), Genova (1995-2002) e Milano (2002-2011). A consacrarlo vescovo nel Duomo di Milano fu l'allora arcivescovo, cardinale Carlo Maria Martini, il 23 settembre 1989. Mentre fu Giovanni Paolo II nel Concistoro del 21 febbraio 1998 a crearlo cardinale.

AMMINISTRATORE APOSTOLICO. Dopo aver lasciato la guida dell'arcidiocesi di Milano venne nominato amministratore apostolico nella diocesi di Vigevano rimasta senza vescovo. La sua ultima apparizione pubblica è del 25 marzo 2017 dove, in Duomo a Milano, presenziò su una sedia a rotelle durante la visita di papa Francesco.

VICINO AI LAVORATORI. Amato dai fedeli per la sua disponibilità al confronto e al dialogo, Tettamanzi è stato anche molto apprezzato dai lavoratori per le battaglie condotte a loro sostegno. Più volte aveva infatti richiamato imprenditori e dirigenti, chiedendo maggiori tutele e migliori condizioni per i loro dipendenti. Proprio la disoccupazione era per lui il male da combattere, tanto da avere costituito il Fondo famiglia-lavoro per dare un aiuto a chi era stato colpito dalla crisi economica, mettendo subito a disposizione 1 milione di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso