Cemento
mercato
7 Agosto Ago 2017 1927 07 agosto 2017

Cemento, maxi-multa dell'Antitrust alle aziende produttrici

Inflitta una sanzione che supera i 184 milioni di euro. Italcementi, Buzzi, Colacem, Cementir e altri colossi accusati di aver fatto cartello per aumentare i prezzi, a danno del settore edile.

  • ...

L'Antitrust ha multato per oltre 184 milioni di euro le principali società italiane produttrici di cemento e la loro associazione di categoria, la Aitec, dopo aver accertato che tra il 2011 e il 2016 si erano messe d'accordo per coordinare i prezzi di vendita e mantenere le relative quote di mercato.

AUMENTI IDENTICI E CONCORDATI. L'accordo, secondo l'Authority, poggiava su un modello unitario e stabile nel tempo: le imprese cementiere definivano ex ante, in maniera concordata, anche nel corso di riunioni associative, identici aumenti nominali del prezzo del cemento, da comunicare in anticipo alla clientela.

VERIFICHE SU TUTTI I CONCORRENTI. Le stesse imprese, inoltre, avrebbero costantemente verificato non solo l'invio al mercato delle lettere di incremento prezzi da parte dei concorrenti, avvalendosi della collaborazione attiva del distributore Tsc, ma anche l'effettiva applicazione degli aumenti da parte di tutti i concorrenti.

IL RUOLO DELL'ASSOCIAZIONE DI CATEGORIA. L'associazione di categoria, secondo l'Antitrust, avrebbe assunto un ruolo attivo in tale coordinamento, sia facendosi garante della complessiva applicazione degli incrementi di prezzo, sia diffondendo dati relativi alle consegne sul territorio nazionale idonei a facilitare un continuo monitoraggio delle quote di mercato, quindi agevolando la stabilità della collusione.

DANNI AL SETTORE EDILE. Il coordinamento delle condotte commerciali delle imprese ha comportato, in un contesto di gravissima crisi del mercato del cemento, il raggiungimento di livelli di ricavi e margini aziendali superiori a quelli ottenibili in un contesto concorrenziale, a danno della domanda rappresentata dal settore edile. Ecco nel dettaglio le sanzioni comminate dall'Authority.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso