Cannabis Medica
3 Novembre Nov 2017 1717 03 novembre 2017

Cannabis anti-tumore, l'ultima frontiera delle bufale sul web

La Food and drug administration invia quattro lettere di avvertimento ad altrettante aziende americane che vendevano illegalmente prodotti su internet contenenti cannabidiolo. 

  • ...

Dall'omeopatia ai cristalli energetici, dalle diete alla psiche, la carrellata delle terapie anti-cancro alternative a quelle ufficiali, che viaggiano ora anche sul web, è sempre molto ricca. L'ultimo caso è quello di prodotti con composti ricavati dalla cannabis, che sarebbero in grado di far guarire dal cancro, bloccandone la crescita o inducendo al suicidio solo le cellule malate. A segnalarlo è la Food and drug administration (Fda), l'agenzia Usa che regola i farmaci, che ha mandato quattro lettere di avvertimento ad altrettante aziende americane che li vendevano illegalmente su internet.

PRODOTTI PUBBLICIZZATI SU SITI E SOCIAL. Si tratta di circa 25 prodotti, pubblicizzati su siti e social media come terapie efficaci principalmente per il cancro, oltre che per l'Alzheimer e altre gravi malattie. Gli slogan usati sono: «Combatte il cancro e le cellule tumorali», «Spinge le cellule cancerose a suicidarsi senza uccidere le altre», «Ha proprietà anti-proliferative che bloccano la crescita di alcuni tipi di tumori».

PROLIFERAZIONE ALLARMANTE. Come ha spiegato sul suo sito l'Fda, è allarmante la proliferazione di prodotti venduti per trattare o curare malattie gravi come il cancro. In questo caso si tratta di sostanze che contengono cannibidiolo (cbd), un componente della marijuana, non approvato dall'Fda per nessun farmaco. Il cannabidiolo lo si può trovare in vendita in molti formati, dalle gocce alle capsule, dagli sciroppi al tè, fino a lozioni e pomate.

EFFETTI LIMITATI. In realtà, «un derivato della cannabis, il tetracannibinolo, da poco tempo si usa, anche in Italia, come farmaco approvato per i dolori non troppo forti del cancro e il controllo della nausea da chemioterapia. Ma è poco adoperato negli ospedali, perché ha effetti limitati. «Esistono farmaci più potenti ed efficaci in questo senso», ha chiarito Francesco Cognetti, primario di Oncologia medica all'Istituto nazionale Regina Elena di Roma per lo studio dei tumori. Senz'altro «non c'è invece alcun effetto scientificamente dimostrato della cannabis nel ridurre o curare i tumori. Questo tipo di affermazioni sono false», ha aggiunto.

SOLO L'ULTIMA DELLE BUFALE. Come tante altre ce ne sono state in passato. I trattamenti 'bufala' per il cancro sono una 'moda' dalle radici antiche. «C'è una vasta serie di episodi dagli Anni 60, ma sono mode appunto. Si tratta di un fenomeno però sotterraneo, i pazienti non ce lo dicono. Di solito affiancano la cura alternativa a quella 'ufficiale'. Ma qualsiasi altro preparato, anche quelli 'naturali', possono interagire negativamente e ridurre gli effetti dei farmaci antitumorali», ha concluso l'oncologo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso