Maltempo Roma
5 Novembre Nov 2017 1837 05 novembre 2017

Maltempo, Centro-Nord Italia sotto i nubifragi

Piogge e disagi da Milano a Roma. Nella capitale decine di interventi della Protezione civile. In Liguria caduti oltre 300 millimetri di pioggia in 12 ore. Disagi anche in toscana. Allerta in Veneto e al Sud.

  • ...

Il maltempo è arrivato in Italia è ha iniziato a distendersi lungo tutta la penisola. Diversi nubifragi si sono abbattuti da Nord a Sud anche se la città più colpita è stata Roma. Allagamenti e disagi anche a Milano e in Toscana. Violente pioggie anche in Liguria con 300 millimetri di pioggia in caduti in 12 ore. La mappa dei disagi.

1. Roma: decine di interventi della protezione civile

Strade allagate in centro e alla periferia della Capitale per il violento nubifragio che ha colpito la città. Diversi allagamenti sono stati registrati nella zona del Circo Massimo, su via Flaminia (dove sono saltati alcuni tombini) e a Ostia. Strade allagate anche a Tor di Quinto, al Nomentano e a Primavalle dove è stata chiusa al traffico via Pietro Bembo. Numerose le pattuglie della polizia locale impiegate per la viabilità. La partita Lazio-Udinese è stata rinviata a data da destinarsi, a causa della gran pioggia caduta sull'Olimpico. E

Molto colpita anche l'area sud di Roma, in particolare nella zona del litorale. Pioggia e grandine hanno causato leggeri disagi alla circolazione con strade allagate e, in alcuni quartieri, tombini saltati. Sembra abbiano tenuto i canali nell'entroterra del X Municipio, quello che nel 2011 finì sott'acqua causando anche la morte di un giovane cingalese rimasto intrappolato nel seminterrato in cui viveva all'Infernetto. Al momento non si segnalano particolari danni.

TRENTA INTERVENTI NELLA ZONA DI FIUMICINO. La protezione civile di Fiumicino ha compiuto una trentina di interventi dopo il violento temporale del primo pomeriggio, che ha causato non pochi allagamenti. Pompe idrovore in azione su via Torre Clementina, a ridosso del molo nord, dove l'acqua ha raggiunto circa un metro di altezza sulla sede stradale. All'Isola Sacra due negozi si sono allagati su via Coni Zugna mentre un tetto ha subito danni vicino via Gattoni. Oltre a numerose strade, gli allagamenti hanno interessato alcuni seminterrati. Un albero è caduto e poi è stato rimosso nella zona di Aranova, dove il fango ha invaso le strade nell'area di Castiglione. Tombini saltati infine in viale di Focene.

  • Strada allagata in via Laurentina all'altezza dello svincolo Torrino. (Fonte: Susanna Marcellini‏ (twitter))

2. Lombardia: temporali e allagamenti a Milano

Piove incessantemente dalle 2 della del 5 novembre a Milano, dove dalla mezzanotte è scattato il Piano di emergenza del Comune per monitorare in particolare i fiumi Seveso e Lambro contro il rischio di esondazioni. Per la pioggia intensa alcune strade della zona Niguarda e Comasina sono state invase in parte dall'acqua. Il sottopasso all'uscita della superstrada Milano-Meda si è allagato e il traffico scorre su una sola corsia per carreggiata.

PRIMA NEVE NELLE VALLI BERGAMASCHE. È comparsa la prima neve della stagione in provincia di Bergamo: mentre nel capoluogo e nel resto della pianura piove incessantemente dalla scorsa notte, sopra i 2 mila metri di quota ha cominciato a piovere. In particolare si sono subito imbiancate le cime sopra il Curò, oltre i 2.300 metri. Non sono al momento segnalati disagi né per la pioggia né per la neve.

3. Liguria: a Genova e Savona 300 millimetri di pioggia in 12 ore

In 12 ore 300 millimetri di pioggia sono caduti nell'entroterra savonese e genovese. Il picco a Urbe dove ne sono caduti 119 in un'ora. Le precipitazioni nella zona hanno provocato la rottura di un tubo dell'acquedotto di Urbe che rifornisce i comuni di Urbe e Sassello. Lo ha reso noto l'assessore regionale alla Protezione civile Giacomo Giampedrone. «Siamo passati dall'allerta siccità all'allerta meteo. «È stata una notte complicata ma il peggio è passato», ha detto. Alcuni torrenti del savonese, l'Orba ad Urbe, il Sansobbia ad Albissola Superiore e il Teiro a Varazze, hanno destato preoccupazione ma non sono mai arrivati al livello di guardia. «Ci si aspettano ancora precipitazioni diffuse», ha detto il governatore Giovanni Toti, facendo il punto sul maltempo in Protezione civile. «È una buona mattinata perché si è confermata la capacità puntuale di previsione del sistema e anche la collaborazione con il Comune di Genova: non ci sono stati danni ingenti, a parte qualche smottamento».

4. Toscana: allagamenti a Follonica

Due violenti temporali si sono abbattuti stamani, a distanza di due ore e mezzo su Follonica (Grosseto) causando la chiusura di alcuni sottopassi, l'allagamento di strade, garage e scantinati e la caduta di alberi e rami. La prima ondata, durata circa mezz'ora intorno alle 9, la seconda verso le 11.30. In entrambi i casi i fenomeni sono stati accompagnati da grandine e vento forte. Al momento risultano allagati i sottopassi di via Massetana e della 167. Al lavoro insieme alla polizia municipale, sette mezzi della Vab e i vigili del fuoco. Rami pericolanti e problemi anche a Scarlino e Massa Marittima, sempre nel Grossetano, a causa del forte vento. I vigili del fuoco di Firenze sono intervenuti invece per spengere l'incendio di un bombolone con gpl, probabilmente colpito da un fulmine, a Rignano sull'Arno (Firenze). I vigili del fuoco sono già riusciti ad intercettare il flusso del gas e stanno terminando le operazioni di messa in sicurezza. Non risultano danni a persone.

5. Veneto: l'acqua alta torna a Venezia

Venezia potrebbe tornare a fare i conti con il fenomeno dell'acqua alta tra il 5 e 6 novembre. Il Centro previsioni e segnalazioni maree del Comune ha previsto per questa sera alle ore 23.45 una punta massima di marea di 110 cm (codice arancio). La comunicazione è stata data anche con un sms inviato agli oltre 70mila iscritti al servizio di aggiornamento dell'acqua alta, attraverso i social network, con l'aggiornamento del bollettino e in segreteria telefonica. A causare la marea è la perturbazione atlantica che sta generando una saccatura sul golfo di Genova, originando venti di scirocco che stanno interessando il mare Adriatico. Il contributo alla marea dovuto alle condizioni meteorologiche si sommerà alla marea astronomica che è prevista avere un massimo di 61 cm alle 23.45. Il Centro Maree ricorda che un'alta marea di 110 cm comporta l'allagamento del 12% di Venezia.

6. Piemonte: 72 millimetri caduti in 6 ore

Tornano le piogge abbondanti in Piemonte dopo un ottobre senza una goccia d'acqua in quasi tutta la regione. In 6 ore i pluviometri di Arpa (Agenzia regionale per la protezione ambientale) hanno misurato 72.8 millimetri a Casaleggio Borio (Alessandria), 66.2 nella città di Ovada (Alessandria), vicina al confine con la Liguria, 53.4 mm a Trivero, nel Biellese. La quota neve è di poco inferiore ai 2.000 metri ma è previsto che si abbassi dal pomeriggio. Dalla scorsa notte piove anche su Torino, finora 15 mm, ma al momento resta in vigore lo stop alle auto diesel fino a Euro 4. L'ultimo dato validato da Arpa si riferisce a giovedì, quando il valore delle 'polveri sottili' era 101 microgrammi al metro cubo.

6. Le previsioni: allerta in Veneto e Basilicata

Proseguono gli effetti della perturbazione in corso dal 4 novembre sulle regioni del Centro-Nord, che si sposterà verso Sud: lo rende noto la Protezione Civile che ha emesso una nuova allerta di condizioni meteo avverse a partire dalla serata del 5 novembre, con allerta rossa per la Basilicata, che viene confermata ancora per il Veneto. Allerta arancione su buona parte del Friuli Venezia Giulia, della Campania e della Basilicata tirrenica. L'avviso prevede precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Campania e Sicilia. Da lunedì 6 novembre, i fenomeni si estenderanno anche a Calabria e Puglia. I temporali saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. sempre dalle prime ore di domani sono previsti venti da forti a burrasca, dai quadranti occidentali, sulla Sicilia e dai quadranti meridionali su Calabria e Puglia, con possibili mareggiate lungo le coste esposte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso